Le 15 migliori cose da fare a Vilvoorde (Belgio)

Prende il nome da un guado sul fiume Zenne, la città di Vilvoorde si trova a circa 10 chilometri a nord-est di Bruxelles ed è collegata alla capitale dal Canale di Bruxelles-Schelda.

Vilvoorde ottenne i diritti di città già nel 1198 e per decenni fino alla fine del XX secolo fu associata all'industria pesante.

Quel capitolo si è chiuso quando lo stabilimento Renault è stato chiuso nel 1997, ma da allora la città è diventata una base per società di media e emittenti come VTM, la principale stazione televisiva commerciale nelle Fiandre.

Per i visitatori Vilvoorde ha un mercato bisettimanale, una piazza centrale aggiornata e una zona lato canale e molti monumenti storici meritevoli qua e là.

A livello regionale, la gente di Vilvoorde ha il soprannome di "pjeirefretters", che significa mangiatori di cavalli.

La città ha una lunga storia per l'allevamento di cavalli e la bistecca di cavallo rimane una specialità della città.

1. Onze-Lieve-Vrouw van Goede Hoop

Cerchio di Onze-Lieve-Vrouw Van Goede

Già nel X secolo c'era una chiesa romanica in questo luogo.

Nel XIV secolo Vilvoorde era al culmine del suo potere politico ed economico attraverso il commercio tessile, quindi fu costruita una nuova chiesa gotica opportunamente imponente.

Questo si è riunito per più di 100 anni e nel 17 ° secolo fu dato un tocco barocco.

Un elemento di un tempo precedente è una sagrestia settentrionale del 1200.

La caratteristica più lodata della chiesa è la sua gloriosa serie di bancarelle di cori barocchi (1663), trasferite dal dissolto Groenendael Priory, a sud-est di Bruxelles.

Cerca anche il pulpito barocco senza peso, con sculture dello scultore Artus Quellinus de Jonge e pietre da registri per la nobiltà del 17 ° e 18 ° secolo.

2. Domein Drie Fonteinen

Domein Drie Fonteinen

Fonte: Werner Lerooy / shutterstock

Domein Drie Fonteinen

Questa tenuta signorile, uno dei parchi paesaggistici più antichi del paese, prende il nome da una fontana da una chiusa del vecchio canale Bruxelles-Rupelmonde dove gli skipper si fermavano per l'acqua.

La terra fu acquistata dal banchiere di Bruxelles Jean Joseph Walckiers negli anni 1760 e presto progettò un giardino all'inglese, qualcosa che non era stato visto su queste rive in quel momento.

Alcuni elementi intorno alla tenuta risalgono ai giorni di Walckiers, tra cui cantine di ghiaccio e un raro ponte a due piani con galleria sul fossato.

Nel 1838 la tenuta fu acquistata dal futuro sindaco di Bruxelles Guillaume Van Volxem (1791-1868), i cui discendenti stabilirono il proprio parterre in stile francese attorno a un castello.

Quella proprietà fu persa durante la seconda guerra mondiale, ma il giardino formale con vicoli, un bacino d'acqua circolare, topiari conici rimane, tutte le stalle di fronte e un aranceto.

Puoi passeggiare nel parco, nei boschi e nel parterre e c'è una brasserie nell'aranceto.

3. Tuchthuis

Tuchthuis

La proibita prigione neoclassica appena fuori dal canale di Bruxelles-Scheldt fu costruita nel 1779 su un castello ducale che si trovava dal 14 ° secolo.

Il materiale del castello è stato riutilizzato nelle fondamenta della prigione.

Il Tuchthuis ha molte storie da raccontare, progettato come una prigione modello dell'era dell'Illuminismo, ma criticato a causa di una posizione malsana dello Zenne, mancanza di luce naturale e scarsa ventilazione.

L'uomo dietro, Laurent Benoit Dewez cadde in disgrazia per questo motivo e perse il suo status di architetto di corte.

Chiuse come prigione nel 1871 diventando una caserma fino al 1974 e poi ospitando club e associazioni locali fino agli anni '90.

Ora il Tuchthuis è al centro di un progetto di rigenerazione, il Kanaalpark, all'interno del più grande Watersite sul lato del canale.

Un hotel di lusso, The Lodge, è stato aperto in un'ala sul cortile, ma il resto dell'edificio è stato congelato in passato.

Se hai voglia di guardare intorno alle vecchie volte a botte, ancora impreziosite da affreschi di ex prigionieri, puoi prenotare una visita guidata attraverso il dipartimento delle comunicazioni del comune.

4. Grote Markt

Grote Markt

Fonte: Werner Lerooy / shutterstock

Grote Markt

Se non sei stato nel centro di Vilvoorde negli ultimi anni, potresti chiederti se sei finito in un'altra città.

La piazza principale del mercato è stata trasformata con un progetto di 18 mesi, completato nell'aprile 2018. Il problema era che Grote Markt era diventato un parcheggio gigante, con ciottoli sciolti che costituivano un pericolo per i pedoni.

La nuova piazza, dotata di Wi-Fi, è posata con pietre per lastricati lisce, mentre i giovani tigli sono stati ora piantati in ormeggi speciali, alimentati con un sistema di irrigazione ottimale.

Tutte le auto sono state spostate in un nuovo parcheggio sotterraneo a due piani con 192 spazi.

È giusto dire che Grote Markt è stato restituito a Vilvoorde, con un nuovo rifugio elegante, una fontana moderna che i bambini adorano in estate e un'infarinatura di caffè e terrazze di ristoranti.

5. Stadhuis

Stadhuis

Fonte: Werner Lerooy / shutterstock

Stadhuis

Difficile da ignorare sul lato sud del Grote Markt è il municipio, in uno stile cerimoniale neoclassico dei primi anni del 1870.

Con una facciata scolpita con frontoni di finestre, pilastri, nicchie e mensole, lo Stadhuis contrasta con l'architettura per lo più discreta e bassa della piazza.

Se puoi entrare, c'è molta arte all'interno, tra cui un pezzo dell'orientalista Jean-François Portaels del XIX secolo e un busto di Alberto I dello scultore Rik Poot.

C'è anche una bella vetrata, che è una replica di una di Louis de Contini esposta per la prima volta all'Exposition Internationale d'Anvers (1894) ma persa quando la fabbrica di polvere da sparo di Vilvoorde, Pierierke esplose nel 1919.

6. Hanssenspark

A ovest della stazione ferroviaria, Hanssenspark prende il nome da Edmond Hanssens, sindaco di Vilvoorde quando il parco fu aperto alla fine del XIX secolo.

Fu piantato in uno stile paesaggistico inglese attorno a uno stagno di un acro su una sezione del fossato per i bastioni della città.

La scuola orticola di Vilvoorde (Tuinbouwschool) è ancora aperta fino ad oggi, ha fornito le piante del parco ed eseguito il suo progetto.

Nel 2020 il parco è un collegamento verde vitale tra due progetti di rinnovamento urbano, a ovest a Watersite sul canale e ad est attorno alla stazione ferroviaria.

Lo stagno è tracciato da un sacco di fogliame, aiuole e spazi erbosi per picnic, ed è attraversato nel mezzo da un ponte di ferro.

C'è anche un'area dedicata ai cani, un campo da basket e un grande parco giochi per bambini.

7. Abbazia di Grimbergen

Abbazia di Grimbergen

Fonte: Bakusova / shutterstock

Abbazia di Grimbergen

La più antica abbazia di Norbertine abitata in Belgio è un po 'attraverso il canale di Grimbergen.

Fu fondato per la prima volta nel 1120 ed è stato rasa al suolo e ricostruito alcune volte, nel XII, XVI e poi all'inizio del XIX secolo, dopo essere stato sciolto per alcuni decenni durante la Rivoluzione francese.

È quindi appropriato che il simbolo dell'abbazia sia una fenice con il motto "Ardet nec Consumitur" (Bruciato ma non distrutto). La chiesa abbaziale barocca del 17 ° secolo funge anche da chiesa parrocchiale e nel 1999 divenne una basilica minore. Considerata una delle chiese barocche più armoniose dei Paesi Bassi, sopravvisse in gran parte intatta alla Rivoluzione francese.

Il coro allungato manterrà lo sguardo per le sue bancarelle splendidamente scolpite della fine del XVIII secolo, i dipinti di Richard van Orley (1663-1732) e l'altare maggiore dal pavimento al soffitto.

Grimbergen è stato lanciato come un famoso marchio di birra di produzione in serie negli anni '50, ma dopo una pausa di 220 anni i monaci dell'abbazia di Grimbergen hanno creato il loro microbirrificio negli anni 2010 sulla riscoperta di documenti sulla birra risalenti al 12 ° secolo.

Puoi consultare l'ufficio turistico di Grimbergen per una visita all'Abdijbiermuseum (Abbey Beer Museum) del monastero.

8. Castello di Grimbergen (Prinsenkasteel)

Castello di Grimbergen

Fonte: Bakusova / shutterstock

Castello di Grimbergen

Per secoli i signori e i principi di Grimbergen risiedevano in questo castello ora in rovina, ancora trovato all'interno di un fossato nella sua proprietà boscosa, il Prinsenbos.

La storia del castello di Grimbergen è iniziata all'inizio del XIII secolo e le vestigia che vedete oggi risalgono agli inizi del XV secolo sulle fondamenta di quel precedente edificio.

Quando divenne ridondante in termini difensivi, il castello fu trasformato in una residenza sontuosa e tenuta nel 17 ° secolo.

La sua scomparsa avvenne nel 1944 quando l'esercito tedesco in ritirata incendiò il deposito di munizioni che avevano installato all'interno.

Ciò che restava era il mastio, una torre angolare circolare e un pezzo di facciata che univa i due.

Questi sono ora il romantico punto focale di un parco pittoresco, e ci sono cartelli informativi del fossato che raccontano il passato del castello.

9. Ferme Nos Pilifs

Ferme Nos Pilifs

A dieci minuti da Vilvoorde è un'azienda agricola gestita da un'organizzazione no profit fondata per offrire opportunità di lavoro alle persone disabili.

Ferme Nos Pilifs è una super visita per le famiglie, con percorsi attraverso boschi idilliaci, prati e orti e paddock passati per capre, pollame, asini e mucche.

C'è anche un parco giochi per i visitatori più piccoli.

Puoi acquistare prelibatezze fatte in casa e prodotti biologici coltivati ​​nella fattoria dal negozio / panetteria e c'è un ristorante con un menu stagionale che utilizza gli ingredienti della fattoria.

Ferme Nos Pilifs è impegnato nella comunità, organizza seminari di eco-giardinaggio e organizza visite scolastiche, feste di compleanno e colazioni speciali una volta al mese, quando puoi scoprire come vengono curati gli animali della fattoria.

10. Waterbus

vaporetto

Se hai bisogno di un modo panoramico, puntuale ea prova di congestione per raggiungere il centro di Bruxelles, il Waterbus è quello che stai cercando.

Questo servizio sul Canale di Bruxelles-Scheldt è stato lanciato nel 2013 e funziona tra Vilvoorde centrum e Place Sainctelette nella capitale, facendo diverse fermate e impiegando 55 minuti in tutto.

Ci sono servizi da inizio maggio a fine ottobre, con partenze aggiuntive nei fine settimana tra l'inizio di luglio e metà agosto.

Puoi prenotare un biglietto online e non è necessario prenotare un posto, mentre un singolo costa solo € 2.

11. Ciclismo

Canale di Bruxelles-Schelda

Fonte: Sergey Dzyuba / shutterstock

Canale di Bruxelles-Schelda

Il Brabante Fiammingo ha una rete di 1.800 chilometri di piste ciclabili pianeggianti e pianeggianti che è possibile negoziare tramite incroci numerati chiamati "knooppunten". Usando questi è facile come può essere di viaggiare in lungo e in largo su due ruote.

A Vilvoorde la scelta ovvia per un'escursione in bicicletta è lungo il canale Bruxelles-Schelda, la cui sponda orientale è stata abbellita come parte del programma Watersite della città.

Se hai bisogno di ulteriore ispirazione, puoi creare il punto informativo della città per mappe e percorsi a tema nella regione (cicoria ad esempio). Potresti anche guidare una parte del Gordel, un percorso di 100 chilometri che circonda Bruxelles.

Questo condivide il nome di una corsa di massa annuale e cammina alla periferia della città a settembre, anche se non segue lo stesso percorso.

E infine, se hai bisogno di un paio di ruote, potrebbe valere la pena iscriversi al programma di condivisione Blue-bike.

C'è un "punto bici" appena fuori dalla stazione ferroviaria.

12. Jaarmarkt

Vilvoorde torna indietro di un giorno a maggio per questo venerabile evento agricolo.

Nel 2022 Jaarmarkt celebrerà la sua 160a edizione.

In questo giorno Franklin Rooseveltplein è ricoperto di sabbia e gli allevatori di bestiame di tutte le regioni del Belgio si presentano tutti vestiti di bianco per gare e dimostrazioni.

Se sei in città per lo Jaarmarkt, è una grande opportunità vedere il cavallo da tiro belga in tutta la sua bellezza.

Ci sono categorie di premi per il miglior cavallo, oltre a capre, pony Shetland, pollame, asini e persino conigli.

Durante l'evento puoi anche dare un'occhiata a un'esposizione di veicoli agricoli vintage, nonché a tutti i tipi di bancarelle del mercato.

13. Woensdag- en Zaterdagmarkt

markt

Fonte: Lucky Business / shutterstock

Markt

Una delle cose che rende Vilvoorde un hub commerciale regionale, nonostante la sua vicinanza alla capitale, è il suo mercato settimanale che si tiene il mercoledì e il sabato e attira commercianti e acquirenti da ogni parte.

Questo si svolge su Franklin Rooseveltplein tra le 08:30 e le 12:30. L'elenco dei commercianti sembra crescere di anno in anno ed è un posto dove andare per frutta e verdura di stagione, pane fresco, dolci, fiori recisi, carne, formaggio di pesce, pasticceria, abbigliamento, accessori e molto altro ancora.

C'è anche del cibo in viaggio, che tu abbia voglia di una cialda fresca o un hamburger.

14. Thermae Boetfort

Thermae Boetfort

Nel mastio e negli annessi di un vicino castello del XVI secolo, a Steenokkerzeel, a est, si trova un hotel e un lussuoso centro benessere.

Lo staff di Thermae Boetfort è aggiornato su tutte le ultime tecniche e i progressi.

Anche le strutture sono ampie, quindi è sicuro affermare che l'elenco dei trattamenti è troppo lungo per essere elencato qui.

Per una breve corsa ci sono bagni termali, saune, trattamenti per il viso anti-age, pacchetti di disintossicazione, depilazione, manicure, pedicure, peeling e massaggi dal cinese allo shiatsu, pietre calde, lomi lomi, hammam e molti altri.

Mantienilo semplice con un pacchetto giornaliero come "Bellona", che include un massaggio completo di 80 minuti, sessioni di scrub e accesso illimitato ai bagni termali.

15. Stazione Vilvoorde

Stazione Vilvoorde

Qualcosa che potresti non sapere su Vilvoorde è che aveva una stazione sulla prima linea passeggeri costruita sull'Europa continentale, tra Bruxelles e Malines (la moderna linea ferroviaria belga 25). Quella prima stazione, a partire dal 1835, era a poche centinaia di metri dall'attuale edificio neorinascimentale, eretto nel 1882. Questo maestoso edificio, con tetto a padiglione e fasce orizzontali di pietra e mattoni, fu elencato come monumento protetto nel 1975. Quando fu completato, attorno a esso fu costruito un quartiere completamente nuovo, in un'area che ora sta attraversando un rinnovamento urbano.

L'edificio è a livello della strada ma devi salire i gradini fino alle linee ferroviarie sopraelevate.