30 incredibili gemme nascoste nello Utah

Uno stato nella regione occidentale degli Stati Uniti d'America, Utah, prende il nome dalla tribù Ute, che furono i primi coloni della regione, molto prima che europei e mormoni rivendicassero la loro proprietà. Lo stato è noto per essere l'unico nel suo genere ad avere la maggioranza dei suoi abitanti appartenenti a un'unica chiesa – circa il 62% della popolazione totale è membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (LDS).

Vicino a Colorado, Wyoming, Idaho, Arizona e Nevada, Utah è il 13 ° stato più grande per area della nazione e presenta la minore disparità di reddito.

Sapevi che Utah ha 29 contee e che ogni contea dello stato contiene una parte di una foresta nazionale? Sapevi anche che il colonnello Sanders del Kentucky Fried Chicken non ha aperto il suo primo negozio nel Kentucky ma a Salt Lake City, nello Utah?

Un vero paradiso occidentale, lo Utah ospita molte diversità geologiche e una vasta gamma di attività turistiche come snowboard, escursionismo, sci e arrampicata su roccia. Inoltre, lo stato detiene anche molti punti segreti che devono ancora essere scoperti. Esploriamo alcune delle gemme nascoste nello Utah e scopriamo cos'altro ha in serbo lo stato.

1. Pando the Trembling Giant, Richfield

Visualizza questo post su Instagram

Il prossimo nella mia serie #toutyourturf è Pando, il Gigante tremante, situato nella foresta nazionale Fishlake a Richfield, Utah. "Il Gigante tremante, o Pando, è un enorme boschetto di tremule tremanti che prendono la metafora della" foresta come un singolo organismo "e la letteralizza: il boschetto è davvero un singolo organismo. Ognuno dei circa 47.000 circa alberi nel boschetto è geneticamente identici e tutti gli alberi condividono un unico apparato radicale. Mentre molti alberi si diffondono attraverso la fioritura e la riproduzione sessuale, i tremiti tremanti di solito si riproducono in modo asessuato, facendo germogliare nuovi alberi dalla radice laterale espansiva del genitore. I singoli alberi non sono individui, ma proviene da un enorme clone singolo, e questo clone è davvero enorme. Con una superficie di 107 acri e un peso di 6.615 tonnellate, una volta Pando era considerato l'organismo più grande del mondo (ora usurpato da stuoie fungine da mille acri in Oregon), ed è quasi sicuramente il il più massiccio. In termini di altri superlativi, le stime più ottimistiche dell'età di Pando lo hanno più di un milione di anni, il che lo renderebbe facilmente uno degli organismi viventi più antichi del mondo. " Questo è stato suggerito da @ecowdell, e sono contento che ci abbia pensato, perché me ne ero dimenticato. Suppongo che dovrò dare un'occhiata la prossima volta che andremo a Richfield.

Un post condiviso da Kristen (@letteritwrite) il 25 aprile 2017 alle 7:41 PDT

Secondo solo ai funghi giganti dell'Oregon, Pando the Trembling Giant a Richfield, nello Utah, è un gruppo di 47.000 tremiti tremanti che condividono un unico sistema radicale e si sono estesi su 107 acri di terra. Secondo quanto riferito, hanno più di un milione di anni, quindi Pando non è solo uno dei più grandi organismi al mondo, ma è anche tra i più antichi.

Situato all'interno della foresta nazionale di Fishlake, il Gigante tremante fu scoperto per la prima volta negli anni '60 dal botanico Burton Barnes. Pando, latino per "I Spread", è una foresta in sé ed è considerato tra i gruppi più pittoreschi di alberi che si possano trovare sulla terra.

Con un peso di circa 6.500 tonnellate circa, Pando, come altri alberi del suo tipo (secondo l'ecologo Paul Rogers), si riproduce in modo asessuato, facendo in modo che tutti gli altri alberi provengano da un grande clone.

2. Nellie Pucell Unthank Memorial, Cedar City

Memoriale Unthank di Nellie Pucell

Nellie (nata Ellie) Pucell Unthank nacque in Inghilterra nel 1846. All'età di 9 anni, Nellie, insieme a tutta la sua famiglia, si unì alla Chiesa LDS e si trasferì a Salt Lake Valley, negli Stati Uniti, per vivere vicino alla comunità in cui vivevano apparteneva a.

Durante il loro viaggio dall'Inghilterra allo Utah, furono colpiti da una tempesta di neve senza tempo. La catastrofe reclamò la vita di suo padre e cinque giorni dopo, anche Nellie e sua sorella maggiore persero la madre. Nellie camminava a piedi nudi sulla neve e alla fine sarebbe morta se Brigham Young non avesse inviato per lei e sua sorella. Quando le ragazze raggiunsero lo Utah, le gambe di Nellie soffrirono soprattutto di congelamento.

Per salvarla da ulteriori disturbi, le sue gambe sono state amputate con una sega e un coltello da macellaio mentre giaceva cosciente senza anestesia. A causa degli standard poco professionali della chirurgia, i suoi monconi non sono mai guariti.

A 24 anni, Nellie sposò William Unthank e si trasferì a Cedar City per iniziare la sua nuova vita. La sua ferita non le ha impedito di essere una madre laboriosa e premurosa. Nellie e i suoi figli hanno persino preso l'iniziativa di pulire l'intera casa di riunione LDS una volta all'anno.

Morì all'età di 69 anni e una statua di una Nellie sorridente e coraggiosa con le gambe attaccate fu eretta nel sito della sua ex casa di famiglia (l'attuale campus della Southern Utah University).

3. Cava di trilobite, Delta

Cava di trilobite, Delta

Fonte: Sandra Foyt / shutterstock

Cava di trilobite, Delta

Andare in un museo e apprezzare un fossile di un milione di anni in una vetrina di vetro è una cosa, ma la sensazione di sporcarsi le mani e scavare per il proprio fossile non è solo divertente ma estremamente gratificante.

Benedetto con uno dei più ricchi depositi di trilobiti sulla terra, il sito fossile di U-DIG offre fossili di trilobiti di 500 milioni di anni. E non solo puoi scavare per i tuoi fossili qui, ma puoi anche conservare i frutti della tua avventura di scavo.

Distribuita su quaranta acri di terra a un miglio di distanza dall'autostrada principale, la cava di Trilobite conserva i fossili in una condizione quasi perfetta che rende estremamente facile la ricerca di fossili.

Porta con te i tuoi attrezzi o affittane alcuni alla cava e vai a caccia di trilobiti con tutta la famiglia: in poche ore puoi scoprire da dieci a venti fossili.

4. The “Up” House, Herriman

Up House, Herriman

Ricordi quella meravigliosa scena di Up (film del 2009) quando Carl, stanco di tutti i goffi che cercavano di buttarlo fuori di casa, legò un mucchio di palloncini di elio e trasformò la sua casa in un dirigibile di fortuna, e volò via in un'avventura? Bene, ci sono buone notizie e cattive notizie – la casa "Up" esiste nella realtà, ma non vola via da nessuna parte (almeno non in qualunque momento presto).

Con il permesso di Walt Disney Pictures, Bangerter Homes, una società di costruzioni personalizzate, ha creato la replica quasi perfetta della meravigliosa casa di Carl ed Ellie nel 2011.

Di proprietà di Clinton e Lynette Hamblin, autoproclamati fan della Disney e della vita reale Carl ed Ellie, la casa dei sogni Disney è stata costruita per assomigliare alla casa luminosa, come mostrato nel film.

Una staccionata bianca, una banderuola e una cassetta postale all'esterno e il soggiorno, la scuola materna e, naturalmente, le poltrone sono state aggiunte per rendere la casa simile alla casa "Up" del film.

Gli Hamblin offrono servizi fotografici (a pagamento) all'interno e all'esterno della casa e puoi portare il tuo fotografo e oggetti di scena.

5. The Spiral Jetty, Corinne

The Spiral Jetty, Corinne

Una parte del movimento scultoreo degli anni '60 noto come "Land Art", il molo a spirale fu creato da Robert Smithson nell'aprile 1970, tuttavia rimase nascosto sommerso sott'acqua per oltre 30 anni fino a quando riemerse nel 2004.

Costruito durante una siccità, il molo a spirale è fatto di fango, rocce di basalto e cristalli di sale e si estende per 1.500 piedi di lunghezza in una bobina in senso antiorario dalla riva fino a lontano nel Great Salt Lake.

Donato alla Dia Art Foundation nel 1999, il destino del molo a spirale dipende principalmente dal livello dell'acqua circostante. Secondo quanto riferito, il molo è in pericolo di affondare di nuovo sott'acqua se il livello dell'acqua supera i 4.197 piedi.

L'acqua color rosa e il molo a spirale rendono surreali anche i tramonti più comuni.

6. The Wahweap Hoodoos, Kanab

The Wahweap Hoodoos, Kanab

Fonte: Alberto Loyo / shutterstock

The Wahweap Hoodoos, Kanab

Un paio d'ore a nord dell'estremità meridionale del Grand Canyon, i Hoodoos Wahweap, noti anche come "fantasmi bianchi", sono diversi da qualsiasi altra formazione di insenature che potresti aver visto nella tua vita. Sono enormi, sono bianchi e valgono sicuramente la camminata di andata e ritorno di cinque ore e 9,2 miglia.

Considerata una delle formazioni geologiche più singolari del continente, l'escursione Hoodoos ti porta attraverso il Coyote Creek seguito dal Wahweap Creek e dal soprannominato Nipple Creek. Al segno di 0,5 miglia, il sgangherato "Giardino pensile" ti dà il benvenuto e, al 3,6 ° miglio, entri nel primo Hoodoo Wahweap.

Un cappuccio, come spiegato dai geologi, si forma quando un sottile strato di roccia dura copre un livello duro di roccia dolce. A volte, una crepa nello strato duro consente l'erosione della roccia morbida. Ma un piccolo cappuccio resistente di hard rock protegge il deposito interno di soft rock e si trasforma gradualmente in un pinnacolo verticale.

La ricerca mostra che gli Hoodoos esistono già da quando T-Rex vagava per le valli selvagge dello Utah.

7. Memoriale del massacro di Mountain Meadows, Enterprise

Dopo la morte del loro fondatore, Joseph Smith nel 1844, i mormoni iniziarono a temere per la loro sopravvivenza nell'ambiente ostile del Missouri, e quindi l'intera comunità, sotto la guida di Brigham Young, successore di Smith, iniziò a viaggiare verso ovest nello Utah 1846-1847.

L'insediamento si stava semplicemente adattando alle loro nuove condizioni di vita e sopravvivendo alla perdita del loro leader quando il gruppo di migranti Baker-Fancher, in viaggio verso la California dall'Arkansas, arrivò a Salt Lake City per riposare e riempire le scorte in esaurimento. Tuttavia, a causa della paura fuori posto e della xenofobia irrazionale, il governo mormone ha agito con disprezzo nei confronti dei migranti, che hanno tranquillamente lasciato l'area.

A poco a poco, il gruppo di emigranti raggiunse Mountain Meadows, ma poco sapevano del destino che li attendeva. Con l'aiuto di alcuni Paiutes locali, la milizia ha condotto un attacco al gruppo Baker-Fancher e dopo una lunga lotta, ogni essere umano nel gruppo di migranti di età superiore ai sette anni è stato ucciso.

Sebbene la milizia abbia cercato di dare la colpa a Paiutes, la verità è emersa prima e poi il leader della milizia è stato condannato a morte.

Oggi, il Memoriale del massacro di Mountain Meadows, istituito dai Mormoni nel 1999, è il simbolo di una gigantesca macchia nera di vergogna e disgusto nella storia di americani, occidentali e mormoni.

8. Mystic Hot Springs, Monroe

Mystic Hot Springs, Monroe

Mike Ginsburg, un artista autoproclamato, regista e produttore, era in viaggio per Denver nel 1995 quando si imbatté per caso in quella che ora è conosciuta come Mystic Hot Springs.

Sebbene l'attuale fonte d'acqua che si rivolge a Mystic Hot Springs sia presente da più di qualche milione di anni, il resort moderno e le vasche da bagno sono stati aggiunti intorno al 1996.

Precedentemente conosciute come Monroe Hot Springs, le sponde delle sorgenti termali erano utilizzate dalle tribù di nativi americani di Ute, Piute e Shoshone per il campeggio. Mike iniziò con una cabina e presto si rese conto che aveva bisogno di molto di più. Quindi, ha aggiunto altre cabine, creato aree di sosta designate, organizzato seminari e concerti e restaurato molte delle cabine pioniere.

La parte migliore: Mystic e il suo proprietario ti consentono di portare con te i tuoi amici a quattro zampe, a condizione che siano ben educati, tenuti lontano dalle vasche idromassaggio e che tu possa pulire dopo di loro. Inoltre, danno sempre il benvenuto a nuovi volontari per dare una mano con il ripristino e il lavoro intorno alle sorgenti termali in cambio di vitto e alloggio, quindi vai avanti pianifica il tuo anno sabbatico, se non l'hai già fatto!

9. Fattoria Caldera, a metà strada

Caldera, a metà strada

La Caldera, nota anche come "Il cratere", è una sorgente termale naturale stimata intorno ai 10.000 anni. Aperte tutto l'anno, le terme sono frequentemente visitate da nuotatori, subacquei e bagnanti.

La gigantesca vasca idromassaggio si trova all'interno dell'Homestead Resort, che ha preso l'iniziativa di far saltare un tunnel orizzontale attraverso l'area per fornire un facile accesso (a pagamento, ovviamente).

La cupola a forma di cattedrale alta 55 piedi che copre le acque straordinariamente rilassanti del Cratere (tra 90 e 96 gradi Fahrenheit) si è formata naturalmente nel tempo a causa del deposito di sedimenti. A 65 piedi di profondità e 400 piedi di larghezza, il cratere è considerata la più grande cupola minerale della zona.

Un ponte di legno e due aree di sosta designate sono disponibili per i turisti.

10. Museo della vita antica, Lehi

Museo della vita antica, Lehi

Istituito nel 2000, il Museum of Ancient Life ospita una delle più grandi collezioni di dinosauri montati al mondo, tra cui un esemplare di Supersaurus lungo 120 piedi, il più grande del suo genere sulla terra.

Il museo ospita circa sessanta scheletri di dinosauri completi e oltre cinquanta mostre pratiche. Un paradiso per i tuoi piccoli scienziati, il museo consente ai tuoi figli di scavare per i propri fossili e di servire come paleontologo junior. In alternativa, possono osservare che i paleontologi anziani recuperano un Barosaurus di 150 milioni di anni.

Progettato da Cliff Miles, l'esperto paleontologo e l'uomo dietro la denominazione di Minotausaurus e Hesperosauras, il Museum of Ancient Life ospita anche un cinema 3D IMAX, correttamente noto come Mammoth Screen Theater, che gestisce diversi spettacoli giornalieri che educano i visitatori su vari geologici e biologici occhiali.

11. Vittima della bestia Lapide, Salt Lake City

Vittima della bestia Lapide

Tra le numerose tombe del cimitero di Salt Lake City, Salt Lake City, nello Utah, si trova una tomba con un'insolita lapide che recita: Lilly E. Gray, Victim of the Beast 666. Mentre una solida teoria dietro la strana iscrizione e la causa della morte di Lilly rimangono irrisolti, diverse speculazioni sono state fatte nel corso del tempo.

Lilly morì il 14 novembre 1958 all'età di 77 anni. Il suo necrologio affermò che morì per cause naturali, ma la teoria sembra lontana dalla verità, almeno secondo quanto riportato da suo marito, il diario di Elmer Gray. Secondo Elmer, è stato rapito da funzionari democratici ed è stato detenuto nella prigione di stato dello Utah e sua moglie, Lilly, è stata assassinata dai rapitori.

Un'altra storia, più praticabile, viene da Mike Ellerbeck di Salt Lake Monument, una società che produce pietre tombali da oltre un secolo. Ellerbeck ha ricordato che la famiglia di Lilly disprezzava Elmer e voleva che entrambi si tenessero lontani gli uni dagli altri. La coppia si era incontrata in una fase successiva della vita e aveva una chimica insolita. Racconta inoltre che Elmer fu il primo a ordinare la lapide per Lilly e che la "bestia" a cui si riferiva era il governo.

Ancora una volta, queste sono tutte speculazioni, e nulla è stato conosciuto con certezza, ma ciò non ha impedito alle anime curiose di visitare una tomba unica nel suo genere.

12. Mars Desert Research Station, Hanksville

Mars Desert Research Station, Hanksville

Da quanto sappiamo, scienziati e ricercatori di tutto il mondo hanno rivendicato la possibilità dell'esistenza della vita umana oltre la terra. Ma come fai a sapere se potresti sopravvivere e adattarti alla vita su un altro pianeta, ad esempio Marte?

Situata da qualche parte nel mezzo delle terre desertiche dello Utah meridionale si trova la Mars Desert Research Station (MDRS), uno dei quattro progetti pianificati da Mars Analogues Research Station (MARS) come simulazione della vita sul pianeta menzionato. Finanziato dalla NASA, l'idea alla base del progetto è studiare il pianeta nel miglior modo possibile e cercare design, tecnologie e conoscenze che possano aiutare noi umani a sopravvivere su Marte se arrivasse il giorno.

Un equipaggio di sei scienziati (la maggior parte delle volte) vive attorno alla simulazione dove esegue i test richiesti. I visitatori, come te, possono osservare la simulazione di Marte tramite una delle tante webcam live impostate all'interno di quella che chiamano "Hab".

13. Gilgal Sculpture Garden, Salt Lake City

Gilgal Sculpture Garden, Salt Lake City

Situato a Salt Lake City, nello Utah Gilgal Sculpture Garden è un piccolo ma interessante parco pubblico pieno di affascinanti figurine e incisioni che rappresentano il mormonismo e la sua influenza su questa parte della nazione.

Istituito a metà del XX secolo da Thomas Battersby Child, Jr., il giardino comprende 12 sculture originali e oltre 70 formazioni rocciose incise con scritture, poesie e testi in onore dei mormoni. L'unico "ambiente di arte visionaria" intitolato in Utah, il Gilgal Sculpture Garden apparteneva a Child dal 1947 fino alla sua morte nel 1963.

Tra le molte statue come teste disincarnate, cavallette e un altare sacrificale, ciò che spicca di più è una sfinge con la testa di Joseph Smith, fondatore del mormonismo.

C'è una statua realistica di Bambino all'interno del parco che ora è gestita da un gruppo di cittadini che si definiscono "Gli amici dei giardini di Gilgal".

14. Hell's Backbone Scenic Road, Escalante

Hell's Backbone, Utah

Fonte: Traveller70 / shutterstock

Hell's Backbone, Utah

Conosciuta dai suoi creatori come The Poison Road su un terreno scosceso chiamato la roccia liscia del deserto circondata dall'area Box-Death Hollow Wilderness intorno alla città di Salt Gulch si trova Hell's Backbone Scenic Road!

Le città di Boulder ed Escalante sono unite da due percorsi separati: un bel percorso panoramico asfaltato sopra Scenic Byway 12 e un altro, una strada sterrata che è stata costruita prima del percorso asfaltato ed è ancora ghiaia oggi. Ma le viste intorno al sentiero di ghiaia che ti porta attraverso una strada tortuosa che si trova a 9000 piedi dal suolo è insuperabile.

Costruito dal Civilian Conservation Corps (il CCC) nel 1933, la spina dorsale dell'inferno potrebbe non essere l'ultima strada sulla terra, ma è sicuramente una strada la cui costruzione è estremamente difficile da immaginare.

Altrettanto belle dal punto di vista paesaggistico e paesaggistico, le due strade sono perfette per guidare, ma solo una delle due offre una vista da brivido su come la vita appare migliaia di metri più in basso.

15. Tempio Sri Sri Radha Krishna, forcella spagnola

Sri Sri Radha Krishna Temple, forcella spagnola

La parte religiosa dello Utah non è sconosciuta al mondo, dopo tutto, ha la più grande (62% della popolazione totale dello stato) comunità di credenti appartenenti a una singola chiesa (LDS). Tuttavia, i credenti del tempio Sri Sri Radha Krishna sono leggermente diversi dal solito 62%.

Istituito nel 1998, il Tempio è stato costruito da un gruppo di devoti indù che appartengono allo speciale gruppo religioso noto come Hare Krishna, adoratori di divinità indù, Radha e Krishna. L'architettura, a differenza degli stili gotici e utilitaristici delle chiese mormoni, include un tempio a cupola sulla collina e un grande anfiteatro dove centinaia di fedeli possono radunarsi e pregare allo stesso tempo.

Fai una passeggiata tra i lama e le mucche nel parco naturale, goditi la domenica Love Feast, ammira la bellezza architettonica o semplicemente partecipa al festival dei colori aka Holi, uno dei più grandi festival del mondo.

16. Burr Trail Switchbacks, Contea di Garfield

Burr Trail Switchbacks, Utah

Fonte: IrinaK / shutterstock

Burr Trail Switchbacks

Se pensi di essere un escursionista professionista e puoi guidare attraverso i sentieri più difficili del mondo, ripensaci! I Bback Trail Switchbacks, sin dalla sua fondazione da parte di John Atlantic Burr nel 1876, hanno sfidato i viaggiatori più avventurosi di tutto il mondo.

John Atlantic Burr nacque a bordo della SS Brooklyn nel 1846, la sua famiglia visse a Salt Lake City e in seguito stabilì la città di Burrville. Burr stabilì il percorso come un bestiame attraverso le valli di Waterpocket Fold, Burr Canyon e il sentiero Muley Twist Canyon inferiore e superiore. Lo stesso percorso impegnativo ma pittoresco divenne noto come Burr Trail.

Il percorso attraversa i suggestivi paesaggi dell'area ricreativa nazionale del Glen Canyon, il Parco nazionale Capitol Reef e il monumento nazionale Grand Staircase-Escalante.

Controlla le condizioni meteorologiche prima di arrivarci, dato che le strade sono più dure anche per i fuoristrada durante gli inverni.

17. Parowan Gap Petroglyphs, Parowan

Parowan Gap Petroglyphs

Fonte: Kurtis Leany / shutterstock

Parowan Gap Petroglyphs

Situato vicino al Lago Salato, nella piccola città di Parowan, c'è una fessura naturale tra le montagne che nasconde nella sua pancia centinaia di antichi petroglifi e pittogrammi.

Si presume che abbia più di qualche migliaio di anni, i petroglifi, formalmente conosciuti come i petroglifi di Parowan Gap, sono stati interpretati in molti modi diversi. Mentre alcuni ricercatori sostengono che le incisioni raffigurano un sistema di calendario complesso, Hopi e Paiute affermano che le iscrizioni mostrano diversi animali e forme geografiche.

La maggior parte dei petroglifi sono intatti e sono stati conservati bene, ma alcuni sono stati vandalizzati dall'arrivo di Anglos. Tra i conservati ci sono alcune impronte che ricordano quelle dei dinosauri.

Una piccola grotta che si ritiene sia occupata dagli sciamani e utilizzata per le pratiche rituali si nasconde all'interno e un sentiero ben pavimentato ti porta lungo il divario naturale.

18. Mulino a riduzione standard Tintic, Genola

Mulino di riduzione standard Tintic, Genola

Una raffineria di minerali che un tempo serviva il vicino oro, argento, piombo e rame recuperati da Eureka, il Tintic Standard Reduction Mill a Genola, nello Utah, è uno dei mulini a riduzione più breve nella storia degli Stati Uniti.

Sorprendentemente, la costruzione del mulino iniziò nel 1921 e anche se l'edificio fu completato e aperto per l'esercizio, chiuse per affari entro il 1925. Al momento della sua attività, il mulino utilizzava il "Processo di Agostino", una procedura a base acida di raffinamento del minerale. Tuttavia, la tecnologia è stata considerata inefficiente e quindi il mulino è stato chiuso.

Oggi, la forte costruzione rimane ancora dove sorgeva quasi un secolo fa ed è ora una fortezza coperta di graffiti. Elencato come sito storico nazionale, il mulino a riduzione standard Tintic emette ancora un bagliore di rovinosa bellezza.

19. 17 Rovina della stanza, bluff

17 Room Ruin, Bluff

Fonte: Colin D. Young / shutterstock

17 Room Ruin, Bluff

Situato proprio fuori dalla città di Bluff, Utah è una gigantesca cavità profonda 100 piedi che si affaccia sul fiume San Juan. All'interno dell'alcova naturale si trova la Rovina delle 17 stanze, un presunto insediamento che fu creato nel 1200, e che da allora è rimasto preservato dalla cavità.

È noto che la Rovina abbia tra le 14 e le 18 stanze, anche se la maggior parte dei ricercatori afferma che ce ne sono 17 e che questi spazi a file singolo erano abitati da poche famiglie Ute. L'accesso avviene attraverso uno stretto passaggio sul tetto che si collega tra loro tramite una serie di passaggi interni.

L'arte dei graffiti copre la parete posteriore delle rovine mentre impronte di mani di diversi residenti originali dell'insediamento circondano la zona circostante. Conosciute anche come le 16 Rovine delle stanze, il sito è ideale sia per le escursioni che per avere un'idea della vita dei nativi americani del sud-ovest.

20. Città fantasma di Grafton, Rockville

Città fantasma di Grafton, Rockville

Fonte: Johnny Adolphson / shutterstock

Città fantasma di Grafton, Rockville

Stabilita dai mormoni sotto la guida e la supervisione di Brigham Young, la città di Grafton fu fondata con l'intenzione di servire come base per la piantagione di cotone. Situata a poche miglia dallo Zion National Park, la città fu formata nel 1859 da cinque famiglie mormoni che presto si resero conto che era meglio coltivare colture alimentari qui che cotone. Sfortunatamente, nel 1862, il fiume Virgin circostante inondò e spazzò via l'intera città.

Nel 1866, i conflitti locali portarono all'abbandono di Grafton (reinsediato a un miglio dal sito originale), ma gli agricoltori continuavano ancora a tornare per prendersi cura dei loro raccolti. Un paio d'anni più tardi, un gruppo di coloni tornò in città e fondò una scuola, che è attuale.

Entro il 20 ° secolo, la città fu lasciata di nuovo abbandonata e oggi si erge come una città fantasma con una storia di insediamenti on e off.

Una riunione annuale dei discendenti della città è organizzata per onorare lo spirito del villaggio che è apparso in film famosi come Butch Cassidy e Sundance Kid e In Old Arizona.

21. Fruitcake di 109 anni e pancetta di 70 anni, uragano

A Hurricane, nello Utah, si trova un piccolo museo conosciuto con il nome di Pioneer Heritage Museum che ha alcune delle più singolari (e antiche) collezioni che si possano trovare, ad esempio, le rimanenti fette di una torta di frutta di 109 anni e un 70 -la vecchia lastra di pancetta.

Nel 1907, Emily Wood e Joe Scow si sposarono e la signora Ballard presentò loro una torta di frutta cotta al Grafton coperta di fiori rosa con gocce di rugiada su di loro. A quel tempo, c'era una tendenza a conservare torte come un ricordo e così la loro famiglia ne tenne alcune. Mentre la maggior parte della glassa e dei fiori rosa rugiadosi sono stati consumati nel tempo dalla famiglia degli sposi, alcuni dei cakecake sono stati mantenuti sul mantello originale per i successivi 83 anni. Il mantello, insieme ai resti della torta, fu donato nel 1990 al museo dalla nipote della coppia.

La lastra di pancetta, tuttavia, appartiene a Grace Wright Jepson, una pioniera diversa e indipendente della valle dell'uragano, che era conosciuta per lei da molti talenti. Ha servito come infermiera, un'ostetrica e una maga di salumi. Una madre di sette figli, Grace mise via una lastra di pancetta avvolta in un sacco nella tettoia della famiglia nel 1945. Sfortunatamente, morì nel 1958 e tutti si dimenticarono del mestiere principale della signora pancetta che era ancora nel capanno. Nel 1996, Woodrow, uno dei figli di Grace, riscoprì la lastra e la donò al museo.

La lastra di pancetta sembra ancora molto ben conservata, anche se molto probabilmente non è più salutare da provare.

22. Il Pioneer Memorial Museum, Salt Lake City

Il Pioneer Memorial Museum, Salt Lake City

Tra il 1846 e il 1868, i membri della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni (SUG) viaggiarono attraverso 1.300 miglia di terra dall'Illinois allo Utah, coprendo gli stati di Iowa, Nebraska e Wyoming lungo il loro cammino.

I mormoni che hanno partecipato al sentiero hanno portato con sé ogni sorta di necessità quotidiane di sopravvivenza – vestiti, coperte, trapunte, strumenti e pistole, ecc. Il Pioneer Memorial Museum a Salt Lake City, Utah, è l'ultimo luogo di riposo della maggior parte di quegli oggetti che furono trasportati dai mormoni durante la loro grande escursione attraverso l'America.

Gestito da Daughters of Utah Pioneers, il display afferma di avere la più grande collezione dedicata a un argomento specifico al mondo. Vero o no, la mostra al museo getta sicuramente una luce intensa nelle abitudini di vita domestiche dei migranti mormoni.

Sebbene la maggior parte delle compilation siano piuttosto intriganti, alcuni degli oggetti più bizzarri in mostra sono una patata pietrificata, una presunta pietra del sangue curata con la magia e una raccolta di sonagli dai serpenti a sonagli uccisi da una donna di nome "Hilda".

23. Sun Tunnels, Wendover

Completato nel 1976, il Sun Tunnels è un'installazione artistica unica di Nancy Holt, l'artista tardo americana nota per le sue installazioni artistiche e le sue opere d'arte legate ai media.

Impostati in una configurazione X aperta, i quattro tunnel di diciotto piedi di lunghezza e di nove piedi di diametro presentano fori di varie dimensioni. Può sembrare nulla all'occhio inesperto, ma, in realtà, i buchi imitano la costellazione di Capricorno, Draco, Columbia e Perseo.

Situati in una valle remota 45 miglia a nord di Wendover, nello Utah, nel Deserto del Grande Bacino, i Sun Tunnel sono stati divisi in coppie per allinearsi con il tramonto e il sorgere del sole durante il solstizio d'estate e d'inverno, rispettivamente.

Il modo migliore per goderti i tunnel: riempi il serbatoio del gas, carica la macchina fotografica, prepara un pranzo al sacco, una coperta, una crema solare e un quaderno per schizzi, se vuoi, e goditi un'intera giornata.

24. Metafora: The Tree of Utah, Wendover

Installata negli anni '80 da Karl Momen, un artista europeo, la metafora, spesso soprannominata l'albero dello Utah e l'albero della vita, è un'opera d'arte psichedelica che ha incuriosito l'interesse dei turisti di passaggio sin da quando è stata messa per la prima volta nella sua posto.

Secondo la storia, Karl era in tournée nelle saline di Bonneville quando ebbe un'epifania. Il risultato: un albero di cemento alto 90 piedi a tronco quadrato con sfere multicolori che sembra la rappresentazione di un utente in un viaggio acido!

In totale contrasto con le terre salate sotto i suoi piedi, la Metafora è circondata da oggetti sferici fatti di cemento, che sembrano cadere dall'albero.

Sul fondo c'è una targa che recita: Ode to Joy di Friedrich Schiller – chi è Joy e qual è la connessione, chiedi? Bene, speriamo che tu possa dircelo perché non ne abbiamo assolutamente idea.

25. The Cassidy Trail, Panguitch

The Cassidy Trail, Panguitch

All'interno dei confini della Dixie National Forest, nello Utah, si trovano gli incantevoli hoodoos in arenaria rossa del Red Canyon, formati nel corso di alcune migliaia di anni di erosione, gelo e pioggia. Conosciute anche come rocce per tende e piramidi di terra, i hoodoos rossi comprendono alberi di pino che aggiungono più sapore a un gruppo già intrigante di formazioni rocciose. Ma questo non è tutto ciò che giace nascosto nelle formazioni geologiche del Red Canyon.

La zona, a parte la sua magnifica bellezza, è anche nota per essere imparentata con il famoso rapinatore americano Butch Cassidy. Si ritiene che Cassidy sia nato vicino alla zona e, quindi, non sorprende che il sentiero abbia il suo nome.

Secondo la storia, Cassidy ha litigato con un altro uomo per una donna a Panguitch. Infuriato, il famoso fuorilegge tentò di uccidere il suo concorrente a mani nude. Credendo di aver ucciso il suo avversario, Cassidy si nascose in mezzo al vasto terreno del Rock Canyon. Non sapeva che l'uomo sopravvisse e lo inseguì con una sua banda. Cassidy ne venne a conoscenza e trascorse i giorni seguenti a nascondersi lungo il sentiero fino a quando la banda se ne andò.

Secondo quanto riferito, molti criminali moderni (forse un fan di Cassidy) hanno seguito lo stesso nascondiglio per sfuggire alle condanne dopo aver commesso crimini fuori dallo Utah.

26. Tomba del primo sacerdote Jedi dello Utah, West Valley City

All'interno del parco di Valley View Memorial Park e Funeral Home si trova una tomba nascosta contrassegnata da un velivolo color onice che afferma: "Steven Allan Ford, Possa la forza essere con te – Sempre". Potresti pensarlo come una tomba di un un fan irriducibile o anche uno scherzo, ma la tomba è reale come possono essere le tombe.

Steven Allan Ford, nato nel 1980, era molte cose: un padre, un fratello, un figlio, un artista FX e un ministro. Era anche noto per allietare le persone che lo circondavano con il suo dotato senso dell'umorismo. E fu anche il primo sacerdote Jedi ordinato del Tempio dell'Ordine Jedi.

Il jediismo, per coloro che non hanno visto un singolo episodio di Star Wars (sul serio?), Non è una religione rigorosa, separata ma una combinazione di una o più religioni combinata con il Codice cavalleresco e la pratica delle arti marziali. Needless to say, Ford was a true believer, follower, and preacher.

Ford died on September 7th, 2010 of a broken heart and was buried at the Park underneath a plaque that best describes his true self.

27. Fantasy Canyon, Vernal

Fantasy Canyon, Utah

Source: Johnny Adolphson / shutterstock

Fantasy Canyon, Utah

Canyons, craters, rock formations, and other such natural phenomena are usual in the state of Utah, especially in the northeast. However, no other region is as ethereal as the pertinently named Fantasy Canyon.

Spread over a short stretch of 10 acres of land, Fantasy Canyon has some of the most unusual and intriguing rock formations to be found anywhere in the world. Officially documented for the first time in 1909 by Earl Douglas, a notable paleontologist and explorer, the site comprises rock formations made of quartzose sandstones which are believed to be from Eocene Epoch (about 50 million years ago that is).

While most of the formations look abstractly beautiful, a few distinctively resemble animals such as bears and dinosaurs – maybe that’s why it is called Fantasy Land – a place where you can let your fantasy run wild!

28. First Lady Dolls, Vernal

Uintah County Western Heritage Museum, at first glance, looks like just another usual collection of prehistoric artefacts, objects signifying the state’s history and geography, and tools that represent a part of Vernal’s medical history, but take a closer look and you will be amazed to find three glass cabinets full of doll replicas of every American First Lady till Nancy Reagan.

Situated on the second floor of the museum, the dolls have been arranged chronologically, starting from Martha Washington (1789-1797) to Mary Ann Todd Lincoln (1861-1865) to Eleanor Roosevelt (1933-1945) to Nancy Reagan (1981-1989).

Created by Salt Lake City-based sculptor Phyllis Juhlin Park, the set of 43 porcelain dolls are slightly larger than your usual Barbie and were unveiled to the public on the nation’s bicentennial in 1976. Unfortunately, Park retired after creating the doll replica of Nancy Reagan, so she is the museum’s last First Lady (so far).

While Park has passed away since then, the museum awaits a magician-sculptor to add the remaining five First Ladies since Nancy. Until then, the current collection holds an exquisite display for you to enjoy.

29. This Is The Place Monument, Salt Lake City

This Is The Place Monument, Salt Lake City

Source: Ritu Manoj Jethani / shutterstock

This Is The Place Monument, Salt Lake City

Brigham Young, the successor of Joseph Smith after he was killed in 1844, was the second president of the LDS Church who served the Mormon settlers and the Church for three decades until his death in 1877. He is most noted for his outstanding role as a leader during the forced exodus of Mormons from Illinois to the present-day land of Mormons, Utah.

Young arrived at the Salt Lake Valley (then part of Mexico) on July 24th, 1847 and as he stood overlooking the vast basin, he realized that he had found just the place. Reportedly, Young actually uttered the words, “This is the place.”

Located in the eastern region of the city, This Is The Place Monument seizes the day Young decided to establish a new Mormon colony in the heart of Utah. Crafted between 1939 and 1947 by Young’s grandson, Mahonri M. Young, the monument is a historical monument not only dedicated to Mormonism and its great leader but also to the explorers of the American West.

30. Nine Mile Canyon, Carbon County

  Nine Mile Canyon, Utah

Source: KENNY TONG / shutterstock

Nine Mile Canyon, Utah

It’s unsure why they are called the Nine Mile Canyons considering they spread over forty miles, but, there is no doubt that it is the largest art gallery in the world!

Known for its extensive ancient pictographs and petroglyphs, the Canyon dates back to Fremont and Ute people, and the engravings surrounding the canyon were reportedly created between 400 and 1400 CE. Equally popular among tourists and archaeologists, the canyon served as a major transport route during the 1880s.

Many of the rock art creations depict hunting processes and rituals of the tribes as well as animal life such as bison and birds.

Relics of a short-lived town named Harper, a stagecoach stop at the time and a ghost town now, can be found near the Canyon. Though threatened by natural as well as man-made erosion, 63 archaeological sites of the Nine Mile Canyon are listed in the National Register for Historic Places.