15 migliori cose da fare a Timişoara (Romania)

Capitale della regione di Banat nella Romania occidentale, Timişoara sarà per sempre conosciuta per la Rivoluzione rumena nel 1989. Qui furono le proteste di piazza tra la minoranza ungherese a cadere in disordini sociali e combattimenti, e il 20 dicembre 1989 Timișoara fu la prima città del paese per sbarazzarsi del regime di Nicolae Ceaușescu.

Per 160 anni fino al 1718, la città fu sotto il controllo dell'Impero ottomano. E sul retro della sua conquista da parte dell'Impero asburgico fu ridisegnato nei decenni successivi all'interno di una cittadella che è stata da tempo smantellata. Il centro storico all'interno di quei vecchi anelli di mura è una delizia per le sue piazze monumentali come Piaţa Unirii e la profusione dell'architettura barocca e secessionista austriaca.

Esploriamo il migliori cose da fare a Timişoara:

1. Piaţa Unirii (Union Square)

Piata Unirii, Timisoara

Fonte: Fotografia FASD / shutterstock

Piaţa Unirii

Chi lo saprà ti dirà che Piaţa Unirii in Romania è la piazza più bella della Romania.

E con vera giustificazione, dato che questa vasta piazza rettangolare tracciata nel 18 ° secolo è fronteggiata da sontuose facciate barocche e secessioniste viennesi in una gamma di tonalità pastello.

Di fronte ai confini est e ovest si trovano le cattedrali ortodosse cattoliche e serbe, entrambe del XVIII secolo e quest'ultima ricoperta da un tetto a motivi geometrici.

Concediti del tempo per goderti l'architettura di monumenti come il palazzo barocco, le case canoniche cattoliche romane e il palazzo episcopale ortodosso.

Al centro c'è un prato circondato da una balaustra e centrato su una deliziosa fontana e la colonna della peste della Santissima Trinità, eretta per segnare la fine di un'epidemia di peste che colpì Timişoara negli anni '30 del Settecento.

2. Piaţa Victoriei (Piazza della Vittoria)

Piata Victoriei, Timisoara

Fonte: trabantos / shutterstock

Piaţa Victoriei

Un altro sublime spazio pubblico Piaţa Victoriei è una lunga piazza pedonale dove sono collocati molti servizi culturali di Timișoara.

La piazza è iniettata con un senso di spettacolo da due monumenti epici, la Cattedrale Metropolitana Ortodossa di 90 metri all'estremità meridionale e il Teatro dell'Opera rumeno a nord.

Tra loro c'è una stretta fila di aiuole, una fontana del 1957, siepi basse e terrazze di ristoranti all'ombra degli alberi in un burrone di alte facciate secessioniste e neoclassiche.

Uno dei monumenti più avvincenti è una replica del Lupo Capitolino che allatta Romolo e Remo, sollevato su un pilastro di cinque metri e donato dalla città di Roma nel 1926. Insieme al Teatro dell'Opera, alcuni dei luoghi culturali qui includono il tedesco State Theater, il Museo Banat una serie di gallerie d'arte e Cinema Timiș.

3. Centro storico

Centro storico, Timisoara

Fonte: Nataliia Sokolovska / shutterstock

Centro storico

Dato che Timişoara era stipata all'interno di una cittadella, il centro storico della città è molto percorribile e ha una pianta circolare, tracciata da lussureggianti parchi e il fiume Bega a sud.

Scoprirai perché a volte la città era chiamata "Piccola Vienna" quando vedi la quantità di edifici secessionisti, e mentre sono in diversi stati di riparazione, anche quelli con una patina dell'età sono ancora fotogenici.

Quando il tempo è bello, bastano pochi passi per raggiungere il bar o il ristorante accanto con tavoli e ombrelloni all'aperto.

E la riva destra del Bega è circondata per alcuni chilometri da una fila di parchi.

Potresti anche attraversare la riva sinistra, che fu fondata da imprenditori borghesi alla fine del XIX secolo.

Le loro ville e case popolari in stile storico e secessionista si trovano nel sud-ovest della città, lungo le strade che spengono il fiume Splaiul Tudor Vladimirescu.

4. Cattedrale metropolitana ortodossa

Cattedrale Metropolitana Ortodossa, Timisoara

Fonte: trabantos / shutterstock

Cattedrale Metropolitana Ortodossa

Un serio risultato tecnico, la cattedrale metropolitana ortodossa neo-bizantina si trova nel suo parco sul lato sud di Piaţa Victoriei.

In grado di ospitare 5.000 fedeli contemporaneamente sotto le sue nove torri, il monumento fu iniziato nel 1936 e completato nel 1941 ed è l'edificio ortodosso più alto del mondo al di fuori della Russia e della Georgia.

Il progetto è stato preso in prestito dalle chiese bizantine medievali della Moldavia nella parte orientale della Romania, ma usando cemento armato i progettisti sono stati in grado di creare un interno cavernoso e aperto indisturbato da colonne.

La cattedrale si trova anche su una base di cemento armato, con 1.000 pile rinforzate che scendono a 20 metri nel terreno paludoso.

Nella cripta c'è una grande collezione di arte religiosa storica intorno a Banat, oltre a libri, manoscritti, oggetti in metallo e le reliquie di San Giuseppe il Nuovo di Partos, un vescovo del XVI secolo e ora santo patrono.

5. Cattedrale di San Giorgio

Cattedrale di San Giorgio, Timisoara

Fonte: DiegoCityExplorer / shutterstock

Cattedrale di San Giorgio

Il principale luogo di culto per la comunità cattolica di Timişoara è un emozionante monumento barocco austriaco che si elevò in due fasi tra il 1736 e il 1774. I primi piani furono fatti dall'architetto viennese Joseph Emanuel Fischer von Erlach, figlio di Johann Bernhard che era uno dei stelle del periodo barocco.

Dietro l'alta facciata giallo pallido con colonne ioniche e corinzie si trova un interno lussuoso con non meno di nove altari.

Una squadra di illustri artisti fu impiegata nell'arredamento, come il direttore dell'Accademia di Belle Arti di Vienna, Michelangelo Unterberger che dipinse l'immagine di San Giorgio sull'altare maggiore.

L'organista austriaco Carl Leopold Wegenstein ha installato l'organo nel 1903 e produce un suono favoloso suonato durante i concerti.

6. Parco delle rose

Parco delle rose, Timisoara

Fonte: Ion Sebastian / shutterstock

Parco delle rose

Se ti stai chiedendo perché Timişoara abbia il soprannome, "La città dei fiori", ha molto a che fare con parchi come questo nella fila di giardini accanto al fiume Bega.

Il Roses Park fu progettato per l'Esposizione Universale nel 1891, quando l'Imperatore Francesco Giuseppe I fu un visitatore.

E dopo essere stato scavato e usato dalla cavalleria durante la prima guerra mondiale, fu ripiantato e riaperto come il più grande rosario in questa parte d'Europa nel 1934. Roses Park è naturalmente un'attrazione che brilla in primavera e in estate quando centinaia di varietà di rose sono in fiore, che avvolge pergole e tenuto come singoli cespugli delimitati da siepi tagliate.

Il parco ha anche un palcoscenico per proiezioni di film estivi, concerti e il Festival di Opera e Operetta in agosto.

7. Muzeul de Artă (Museo d'arte)

Museo d'arte, Timisoara

Fonte: Ion Sebastian / shutterstock

Museo d'Arte

Quel glorioso palazzo barocco al n. 1 Piaţa Unirii ospita il magnifico museo d'arte Timișoara, noto per la sua collezione di 90 opere del ritrattista e illustratore del XX secolo Corneliu Baba.

Puoi vedere i suoi autoritratti, i paesaggi spagnoli e veneziani e i ritratti di personaggi culturali di spicco come il compositore George Enescu.

Le sue opere formano uno dei quattro dipartimenti, gli altri tre contengono arti decorative, arte europea e pittura contemporanea e storica della regione di Banat, che ha un supremo assortimento di icone.

La sezione delle arti decorative è anche una delizia per le sue porcellane Meissen e rococò viennese, orologi di epoca napoleonica francese, vetri tedeschi Biedermeier e art nouveau austriaco e metallo Art Déco.

8. Casa Brück

Casa Brück, Timisoara

Fonte: DiegoCityExplorer / shutterstock

Casa Brück

Una vista incantevole su Piața Unirii è questa casa secessionista e liberty recentemente restaurata progettata dall'architetto ungherese László Székely e costruita nel 1910. Anche se ha una moderna segnaletica, la farmacia al piano terra è stata qui da quando l'edificio è stato completato.

Mentre al piano terra la facciata e le baie delle finestre sono piastrelle di ceramica con motivi che evocano il folklore ungherese.

Nella parte superiore di questo bizzarro edificio irregolare si trova un frontone arrotondato sopra due graziose finestre semicircolari.

9. Muzeul Revoluției

Nel nord della Città Vecchia c'è una mostra commemorativa della Rivoluzione del 1989.

Il 20 dicembre 1989 Timişoara fu la prima città in Romania ad essere dichiarata libera dal regime comunista, ma arrivò solo dopo tre giorni di spargimenti di sangue.

La mostra è stata progettata da un'associazione locale e se sembra un po 'improvvisata è ancora un racconto avvincente di un momento cruciale nella storia della Romania.

I display sono per lo più in rumeno ma accompagnati da molte immagini e un video grafico ma informativo di 30 minuti.

10. Museo del consumatore comunista

Museo del consumatore comunista, Timisoara

Fonte: facebook.com

Museo del consumatore comunista, Timisoara

Aperto tutti i giorni della settimana, questo museo privato gratuito ricorda una casa ma è pieno di oggetti di consumo dai tempi comunisti fino al 1989. L'attrazione è stata creata da un team di artisti di Timișoara e sei invitato a scegliere attraversa tre grandi sale piene di elettronica domestica, accessori per la scuola, giocattoli, cartoline, strumenti, prodotti per la pulizia, biciclette, attrezzature sportive, stoviglie, utensili da cucina, strumenti musicali, giornali, poster e molto altro.

Dopo una visita, puoi fermarti per un caffè nell'elegante bar / caffetteria all'ultimo piano.

11. Museo di Banat

Museo Di Banat

Vitale se hai bisogno di avere un senso del luogo, questo museo ha sede al Gothic Revival Castelul Huniade.

Questo era l'edificio più antico della città fino a quando non fu distrutto dall'assedio di Timişoara nel 1849 e fu ricostruito sette anni dopo.

Dal 1947 ha ospitato i dipartimenti di Storia, Archeologia e Scienze naturali del Museo di Banat.

Spaziando l'intera storia umana della regione di Banat dall'epoca paleolitica ai tempi moderni, un'attenzione particolare è rivolta ai Geto-Daci dell'Età del Ferro e alla Dacia romana.

Le cose migliori da vedere nelle gallerie di scienze naturali sono i reperti minerali e i fossili.

12. Bastione di Theresia

Bastione di Theresia, Timisoara

Fonte: Paul Horia Malaianu / shutterstock

Bastione di Theresia

Al suo massimo splendore nel 18 ° secolo Timișoara era legato a tre anelli di pareti a forma di stella, con nove bastioni e fossati che potevano essere riempiti d'acqua in tempo di assedio.

Il pezzo più grande di queste fortificazioni per arrivare al 21 ° secolo è questo bastione che fu convertito da un ravelin (uno dei punti delle stelle) negli anni 1730.

Quel cambiamento fu fatto dopo che la città fu conquistata dagli ottomani dall'Impero asburgico.

In questi giorni il Bastione Theresia è una zona commerciale e vita notturna, con negozi, bar, ristoranti e club nei suoi archi, accanto a due rami del Museo di Banat.

13. Teatro dell'Opera rumeno

Teatro dell'Opera rumeno, Timisoara

Fonte: Ion Sebastian / shutterstock

Teatro dell'Opera rumeno

Il teatro dell'opera principesca di Timişoara è uno degli oltre 200 progettati dal prolifico partenariato viennese Fellner & Helmer nell'Impero austro-ungarico nell'Europa centrale e orientale nel XIX secolo.

Fu inaugurato nel 1875 ma fu completamente sventrato da due incendi uno nel 1880 e un altro nel 1920, e in seguito a quest'ultimo furono restaurate solo le ali laterali secondo il primo progetto.

Sulla piazza della vittoria, il Teatro dell'Opera è stato teatro di proteste durante la Rivoluzione del 1989, quando 40.000 persone si radunarono davanti e furono pronunciati discorsi dal balcone.

Per una serata molto economica ma di alta qualità di opera, operetta, teatro musicale o balletto, controlla il botteghino o il sito web.

I posti all'opera possono costare fino a 40 Lei ($ 10) e durante l'intervallo assicurati di ammirare la vista di Victory Square dal balcone.

14. Palazzo del vescovo ortodosso serbo

Palazzo Vescovile Ortodosso Serbo, Timisoara

Fonte: ollirg / shutterstock

Palazzo del Vescovo ortodosso serbo

Sulla spalla della cattedrale ortodossa serba, il palazzo episcopale fu costruito contemporaneamente a metà degli anni '40 del XIX secolo.

Concepito in stile bizantino, il palazzo fu sottovalutato fino a un restauro secessionista all'inizio del 20 ° secolo per abbinare le facciate degli altri edifici su Pia Unai.

Ci sono bassorilievi sui frontoni delle finestre, sul timpano e sopra il portale, mentre all'interno si trova un museo con oggetti liturgici, ritratti dei vescovi e delle icone di Timișoara.

15. Parco botanico

Parco Botanico, Timisoara

Fonte: risteski goce / shutterstock

Parco Botanico

A nord-ovest del centro storico, sul sito delle antiche mura della cittadella, si trova un giardino botanico di 10 ettari che ha preso forma a metà degli anni '80.

Sebbene ci sia un modesto conteggio di 218 diverse specie di piante, il parco è utile per la sua varietà di giardini per erbe, flora tropicale, specie rumene e piante mediterranee, asiatiche e nordamericane.

C'è anche uno splendido giardino ornamentale, mentre tutte queste diverse aree sono divise da percorsi e differenze di altezza.

Tieni gli occhi aperti e vedrai anche alcune tracce delle antiche mura della cittadella.