15 migliori cose da fare a Seghedino (Ungheria)

Alla confluenza dei fiumi Tisza e Maros, Seghedino è una città che è rinata alla fine del 19 ° secolo.

Nel 1879 un'alluvione quasi spazzò via Szeged, lasciando in piedi solo 265 delle 5723 case.

Sul retro della catastrofe vi fu un'intensa costruzione, che arredò Seghedino con orgogliosa architettura neoclassica, eclettica e Art Nouveau.

L'imperatore Francesco Giuseppe si fermò nel 1883 durante la ricostruzione e fece la coraggiosa affermazione che la città sarebbe stata più bella di prima. E potrebbe anche essere stato corretto.

Ad Szeged ti aspetta una sinagoga in stile Art Nouveau di incredibile bellezza, piazze drammatiche costeggiate da palazzi, un museo in un audace palazzo neoclassico e una chiesa di mattoni decorativi che è il quarto edificio più grande dell'Ungheria.

Esploriamo il migliori cose da fare a Seghedino:

1. Chiesa votiva

Chiesa votiva, Seghedino

Fonte: Cristi Popescu / shutterstock

Chiesa votiva

La cattedrale di Szeged fu iniziata nel 1913 e completata nel 1930 dopo che i progressi furono interrotti dalla prima guerra mondiale.

Sostituì la chiesa medievale di San Demetrio, danneggiata dall'alluvione, la cui torre è visibile nelle vicinanze.

In una piazza con le stesse dimensioni di Piazza San Marco a Venezia, la Chiesa Votiva è il quarto edificio più grande in Ungheria, con una capacità di 5.000 e torri che si innalzano 91 metri sopra la piazza.

In linea con l'architettura eclettica di Seghedino, l'edificio è una fusione di bizantini, neo-romanici e neo-gotici ed è pieno di affreschi dipinti nella seconda metà del 20 ° secolo.

2. Móra Ferenc Múzeum

Móra Ferenc Múzeum

Fonte: Travelsewhere / shutterstock

Móra Ferenc Múzeum

Sulla riva del fiume Tisza vicino al ponte Belváros, è probabilmente il punto di riferimento più illustre costruito durante il boom edilizio che seguì l'alluvione del 1879. Il palazzo neoclassico per l'educazione pubblica ha un portico regale sostenuto da colonne corinzie.

Questo monumento ospita un museo multidisciplinare, allestendo mostre temporanee di alto profilo.

Negli ultimi anni ci sono state mostre per il celebre pittore ungherese Mihály Munkácsy e sarcofagi e manufatti dell'antico Egitto.

Le mostre permanenti riguardano la storia naturale e la cultura e l'artigianato regionali, tutte spiegate con modelli in movimento, schermi multimediali e interattivi.

In mostra anche preziosi manufatti come pezzi dell'Hunnic Gold Hoard di Nagyszéksos risalenti al VI e X secolo e scoperti nel 1926.

3. Reök-Palota

Reök-Palota

L'architetto secessionista Ede Magyar, noto come "Gaudí ungherese", progettò questo stravagante palazzo per il capo ingegnere idrico Iván Reök nel 1907. Il tema è l'acqua, che è appropriato per le linee fluide dello stile Art Nouveau, e si manifesta in le ninfee blu pastello che adornano la facciata, le superfici delle pareti a forma d'onda e le rotaie dei balconi in ferro battuto che ricordano le piante che turbinano nell'acqua.

Sii qui per una foto al tramonto quando i verdi e i lillà su quella facciata sembrano quasi brillare.

Il Reök-Palota è stato restaurato nel 2007 e da allora è stato un centro culturale, allestendo mostre d'arte temporanee con opere di Chagall, Rembrandt e Picasso, oltre a concerti, produzioni teatrali e altri eventi.

4. Sinagoga di Seghedino

Sinagoga di Seghedino

Fonte: Ungvari Attila / shutterstock

Sinagoga di Seghedino

La seconda sinagoga più grande dell'Ungheria e la quarta più grande del mondo, la sinagoga Neolog è affascinante, sia per le sue dimensioni che per la bellezza della sua decorazione blu avorio e oro.

Completato nel 1907, è stato progettato con una miscela di storicismo e Art Nouveau, e ha un sacco di simbolismo nascosto al suo interno.

La cupola centrale è alta quasi 50 metri e ha finestre blu stellate classificate dal maestro pittore di vetri Manó Róth, che ha prodotto il resto delle vetrate eteree della sinagoga.

Le 24 colonne della cupola simboleggiano le ore del giorno, mentre i fiori di rosa simboleggiano la Rivelazione.

Nell'arco trionfale puoi vedere il Secondo Comandamento "Ama il tuo prossimo come te stesso" scritto in ebraico e ungherese.

La sinagoga ha un'acustica di alto livello ed è spesso usata per concerti di musica classica.

5. Chiesa ortodossa serba

Chiesa ortodossa serba

Fonte: Plazma presso l'ungherese Wikipedia / Wikimedia

Chiesa ortodossa serba

Essendo vicino al confine moderno tra i due paesi, Szeged ha avuto una grande minoranza serba per centinaia di anni.

Ciò fu in parte una conseguenza dell'avanzata ottomana, risalente alla battaglia del Kosovo nel 14 ° secolo.

Quando Szeged fu liberato dagli ottomani nel 1686 i serbi arrivarono in numero ancora maggiore.

Questo monumento alle spalle della chiesa votiva fu costruito alla fine del XVIII secolo.

Fu la seconda chiesa ortodossa in questo sito e la quarta ad essere costruita in città.

L'architettura tardo-barocca è discreta e non dà alcuna indicazione della straordinaria iconostasi rococò alla fine della navata.

Molte delle 74 icone sono state dipinte per il predecessore della chiesa dall'artista barocco serbo Jovan Popović nel 1761, tutte incastonate in una rete di motivi d'oro.

6. Piazza Dóm

Dóm Square

Fonte: miroslav110 / shutterstock

Dóm Square

La piazza in mattoni di fronte alla chiesa votiva fa parte dello stesso complesso, allestito alla fine degli anni '30.

È una piazza impressionante, cinta da università arcuate ed edifici ecclesiastici che le conferiscono un'acustica superlativa.

Dal 1930 la piazza ha ospitato lo Szegedi Szabadtéri Játékok, un festival di recital d'opera, concerti, teatro e letteratura in estate.

I lati sud e est della piazza ospitano dipartimenti universitari, mentre il museo diocesano, il palazzo episcopale e il collegio di teologia si trovano a ovest.

Nei portici si trova il Pantheon Nazionale con più di 100 statue che commemora illustri ungheresi.

7. Torre Dömötör

Dömötör Tower, Szeged

Fonte: skovalsky / shutterstock

Dömötör Tower

Proprio sul lato sinistro della facciata principale della chiesa votiva, in piazza Dóm, si trova la struttura più antica di Szeged.

La torre Dömötör ha fondamenta del 1000, i piani inferiori romanici risalgono al 1100 e i piani superiori gotici del 1200.

La torre un tempo apparteneva alla distrutta chiesa di San Demetrio e ricorda l'architettura romanica renana in Francia e Germania.

La sezione superiore ha 48 finestre ogivali su tre livelli.

Sotto, una cappella del battistero fu incorporata nella struttura dopo un rinnovamento nel 1931. Seduta sopra l'ingresso è una replica della scultura più antica di Seghedino, una rappresentazione dell'Agnello di Dio del XII secolo.

8. Municipio

Municipio, Seghedino

Fonte: Ungvari Attila / shutterstock

Municipio

Il monumento neo-barocco giallo sul fianco ovest di piazza Széchenyi è il terzo municipio che si erge in questo sito.

L'ultima versione fu gravemente danneggiata dall'alluvione del 1879, e gli architetti Ödön Lechner e Gyula Pártos concepirono un piano aggiuntivo e l'iconica guglia centrale.

Dall'esterno si può anche vedere il Ponte dei Sospiri, un incrocio coperto di ispirazione veneziana che collega il Municipio al palazzo del consiglio della porta accanto.

L'imperatore Francesco Giuseppe visitò Seghedino nel 1883 per inaugurare il nuovo Municipio, e la sua promessa che "Seghedino sarà più bello di un tempo" è riportata sulla finestra centrale della scala centrale.

Un altro riferimento al diluvio può essere visto nella statua di una fenice sul frontone della facciata.

Puoi andare in tour se organizzi in anticipo, e in estate ci sono spettacoli di musica all'aperto nel cortile.

9. Piazza Széchenyi

Szechenyi Square, Szeged

Fonte: Ungvari Attila / shutterstock

Piazza Széchenyi

Questa piazza paesaggistica di cinque ettari è tracciata da palazzi e monumenti in stile eclettico come il Municipio e l'Hotel Tisza, che un tempo era una calamita per famosi scrittori, compositori e poeti.

Fino all'alluvione della piazza Széchenyi del 1879 era un mercato e un terreno di parata delimitato dalle mura occidentali del castello cittadino.

Dopo che Szeged fu liberato dagli Ottomani e riacquistato il suo grado di Città Reale Libera nel 1715, la piazza divenne il centro amministrativo della città.

Oltre alle sue dimensioni e alla grandiosità dell'architettura circostante, ciò che ti impressionerà di più in Piazza Széchenyi è il verde offerto da platani, imperatrici e magnolia.

Tra le aiuole si trovano solenni monumenti di importanti figure ungheresi come l'omonimo statista István Széchenyi e il politico Lajos Tisza, che ha supervisionato la ricostruzione post-alluvione di Szeged.

10. Klauzál Square

Piazza Klauzál, Seghedino

Fonte: belizar / shutterstock

Piazza Klauzál

All'inizio degli anni 2000 la piazza Klauzál e la via Kárász, appena a sud di piazza Széchenyi, sono state completamente rinnovate, un progetto che ha ottenuto Szeged il premio europeo Nostra per il patrimonio nel 2004. Questa lunga piazza rettangolare è uno spazio meraviglioso, fronteggiato da grandi piani a tre piani palazzi in stile eclettico, neoclassico e liberty della fine del 1800 e dei primi del 1900.

C'è una manciata di caffè che si riversano sulla piazza, e al centro c'è una statua di Lajos Kossuth, il presidente dell'Ungheria durante la Rivoluzione del 1848-49 contro l'Impero asburgico.

11. Giardino botanico universitario

University Botanical Garden, Seghedino

Fonte: belizar / shutterstock

Giardino Botanico Universitario

Quando l'Università di Kolozsvár si trasferì a Seghedino negli anni '20, un ampio spazio sul bordo meridionale della città fu assegnato a un giardino botanico.

L'attrazione ha preso il nome da due specie: l'imponente metasequoia (alba sequoia), una conifera originaria della Cina meridionale e il loto indiano, che è stato piantato qui più di otto decenni fa, crescendo in uno stagno decorato con un Buddha.

Se ti capita di essere a Szeged a luglio, devi venire in giardino per vedere il loto in fiore.

Il giardino ha anche collezioni di specie di piante industriali e agricole piantate secondo il loro scopo, sia esso nutrimento, coloranti, medicine o fibre per corda e tessuti.

12. Torre dell'acqua

In piedi nella piazza erbosa di Szent István c'è una torre d'acqua di 46 metri risalente al 1904. Una delle cose che rende speciale questa struttura è che è stata la prima nel suo genere in Ungheria a essere costruita in cemento armato, ed è stata progettata da Szilárd Zielinski, che fu un pioniere di questo tipo di costruzione.

La torre svolge ancora il suo scopo originale, trattenendo oltre 1.000 metri cubi di acqua.

Da aprile a ottobre puoi andare a vedere Szeged e mentre vai c'è una mostra sulla fisica che include un pendolo di Foucault per dimostrare la rotazione della terra.

Sulla passerella lastricata nella parte inferiore della torre ci sono busti di bronzo di architetti che hanno trasformato il paesaggio urbano di Seghedino dopo il diluvio.

13. Napfényfürdő Aquapolis

Napfényfürdő Aquapolis

Fonte: facebook.com

Napfényfürdő Aquapolis

Sulla riva sinistra della Tisza si trova un parco acquatico al coperto e un complesso di piscine con scivoli per i giovani e strutture per il fitness e trattamenti termici per gli adulti. Ci sono 13 diapositive qui, che ammontano a un chilometro di lunghezza.

Ciò include lo scivolo coperto più lungo tutto l'anno in Europa, l'Anaconda blu, lungo 272 metri e che parte da una piattaforma di 30 metri.

Uno per i bambini più grandi è il Kamikaze, che è quasi come una caduta libera, impiegando solo due secondi per raggiungere la piscina per bambini.

I genitori possono prenotare impacchi di fango, bagni di anidride carbonica, massaggi subacquei a getto e fisioterapia, e c'è una sauna finlandese, un bagno turco, una jacuzzi e una piscina per l'allenamento di 25 metri.

La connessione Wi-Fi è gratuita.

14. Zoo di Szeged

Szeged Zoo

Fonte: belizar / shutterstock

Szeged Zoo

Lo zoo più grande del paese si trova a 2,5 chilometri dal centro di Seghedino.

Lo zoo è stato aperto nel 1989 ed è orientato alla conservazione degli animali, costruendo habitat che sono repliche degli ambienti naturali delle specie.

Tutto è organizzato geograficamente, quindi è abbastanza facile spostarsi e puoi provare a sincronizzare la tua visita in coincidenza con le sessioni di alimentazione regolari.

Lo zoo di Szeged è impegnato in programmi di allevamento per formichieri giganti, marmoset e leopardi delle nevi, e lo zoo ha fatto notizia nel 2012, quando nacquero tre cuccioli di leopardo delle nevi.

Ovviamente, tutti gli amanti della folla sono qui, come giraffe, leoni, pinguini, tigri, suricati e tapiri.

15. Paprika

Orgoglio di Seghedino Paprika

Fonte: Julie Clopper / shutterstock

Pride Of Szeged Paprika

Come ti dirà qualsiasi viaggio nelle campagne coperte di peperoni, Seghedino è la capitale della spezia preferita dell'Ungheria, la paprika.

Capsicum trae vantaggio dall'alta luce del sole annuale in questo angolo meridionale del paese, e se vuoi saperne di più sulla paprika c'è un museo combinato di salumi e paprika gestito dal marchio Pick cold meat.

Puoi procurarti una pentola di paprika dolce o piccante nella maggior parte dei negozi di souvenir di Szeged.

La paprika è ovviamente un ingrediente vitale nel piatto nazionale ungherese, il gulasch, un riscaldamento di carne e stufato di verdure.

A livello locale, la paprika calda va nella halászlé o nella zuppa del pescatore, una preparazione piccante composta da carpe, pesce gatto, storione e pesce persico, oltre a peperoni verdi, pomodori e cipolla rossa.