15 migliori cose da fare a Rovigno (Croazia)

Rovigno è una splendida cittadina della Croazia che riempie ogni centimetro di una penisola delimitata da tre lati dal mare Adriatico. Il nucleo del centro storico è prevalentemente veneziano e costruito con calcare pallido che brilla al sole, contenente frammenti emozionanti da ogni fase della sua turbolenta storia.

Durante una visita puoi visitare il labirinto di strade prima di un pasto sotto l'ombrellone nel pittoresco porto di lavoro. Oltre Rovigno puoi cercare antiche rovine, visitare spiagge non rare e spazi naturali mozzafiato come il fiordo di Lim lungo 10 chilometri.

Diamo un'occhiata a migliori cose da fare a Rovigno:

1. Città vecchia

Centro storico di Rovigno

Fonte: flickr

Centro storico di Rovigno

Rovigno era in realtà un'isola prima di un progetto di bonifica nel 1763 da parte dei veneziani.

Quello che vedrai nella città vecchia è un groviglio medievale di strade strette e vicoli che passano sotto gli archi e torcono le scale indossate da secoli di passi.

Questo centro storico è piccolo, ma non sarà difficile essere disorientato da questo denso labirinto di pittoresche stradine acciottolate!

Alla fine verrai in ristoranti, caffè o persino in riva al mare e potrai sempre trovare il tempo per una tazza di caffè per vedere questa antica città andare avanti nel suo giorno.

2. Cattedrale di Sant'Eufemia

Cattedrale di Sant'Eufemia

Fonte: wikimedia

Cattedrale di Sant'Eufemia

Il campanile quadrato di questa chiesa barocca domina lo skyline di Rovigno e ricorda da vicino San Marco a Venezia.

Quindi non sorprende che la Sant'Eufemia del XVII secolo sia stata costruita dai veneziani, che avevano il controllo di Rovigno durante questo periodo.

Per ottenere la menzogna della terra, puoi salire sul campanile, che è alto 61 metri e offre persino viste sulle Alpi a nord in una giornata limpida.

L'interno della chiesa vanta nel frattempo un sontuoso design, tra cui un altare in marmo con una statua del santo del XV secolo davanti a un sarcofago contenente le reliquie di Eufemia.

3. Fiordo di Lim

Fiordo di Lim

Fonte: flickr

Fiordo di Lim

Puoi raggiungere questa strana e meravigliosa meraviglia naturale su strada o in barca dal porto di Rovigno.

È descritto sia come un fiordo che come un canale, ma in realtà è un canyon fluviale lungo 10 chilometri sorvegliato da ripidi pendii boscosi che si innalzano a 100 metri.

Ciò che rende davvero questa scena e le dà l'aspetto di un fiordo è la larghezza del fiume, fino a 600 metri in alcuni punti.

A terra puoi fare escursioni o andare in bicicletta attraverso il mix di boschi di conifere e latifoglie e fermarti al ristorante alla foce del canyon. Qui servono frutti di mare come ostriche e cozze allevate in queste acque.

Suggerimento: puoi fare un fantastico tour del vino istriano da Rovigno prenota qui

4. Porto di Rovigno

Porto di Rovigno

Fonte: flickr

Porto di Rovigno

Le migliori viste (e foto per instagram) di Rovigno si possono avere dal porto della città. Da questa prospettiva puoi vedere quelle belle case dipinte che affollano il lungomare e il meraviglioso campanile di Sant'Eufemia alle loro spalle.

Gira verso il mare e vedrai un porto di lavoro in azione, con i pescatori che partono o tornano a casa o riparano le reti sul molo.

Lungo il bordo dell'acqua ci sono ristoranti e caffè, e sicuramente non c'è posto migliore in città per trascorrere un paio d'ore in una giornata di sole!

5. Punta Corrente

Punta Corrente

Fonte: rovinj

Punta Corrente

La penisola a forma di stivale poco più a sud di Rovigno è un rilassante parco naturale. Punta Corrente (Capo d'oro) fu la visione dell'industriale austriaco del XIX secolo Johann Georg von Hütterott che acquistò questa terra e permise alla sua natura di prosperare.

Ora è a dir poco un idillio; una bella fascia di boschi di conifere, dove prosperano cedri, abeti douglas, cipressi e pini d'Aleppo piantati più di 100 anni fa.

Vieni qui a passeggiare lungo i sentieri, rilassati sulle aree erbose o rilassati dalle piccole insenature rocciose lungo la costa.

6. Monkodonja

Monkodonja "width =" 770 "height =" 510 "srcset =" https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2016/06/Monkodonja.jpg 1024w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2016/06 / Monkodonja-300x199.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2016/06/Monkodonja-768x509.jpg 768w, https: // cdn. thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2016/06/Monkodonja-100x65.jpg 100w "data-lazy-size =" (larghezza massima: 770px) 100vw, 770px "/>

<p class=Fonte: flickr

Monkodonja

Se consideri la grande età di questo sito archeologico, in cima a una collina panoramica fuori Rovigno, è una meraviglia che così tanto sia ancora intatto.

Questa fortezza risalente all'età del bronzo fu fondata nel 1800 a.C., e frammenti di ceramica scoperti nel sito suggeriscono che Monkodonja avesse legami con l'antica città greca di Micene.

Nel sito è possibile controllare le pareti, molte delle quali sono alte un metro o più, e si può anche camminare lungo antiche aree pavimentate e vedere una grotta cultica.

Per tutto il tempo potrai ammirare l'Adriatico e le sue piccole isole verdi, che sono particolarmente adorabili al tramonto.

7. L'arch. Di Balbi

Balbi's Arch

Fonte: flickr

L'arch. Di Balbi

A Grisla Street, lontano dalla piazza principale, si trova questo imponente arco risalente alla fine del 1670, e prende il nome da Daniel Balbi che era il sindaco in quel momento.

L'arco ha sostituito una vecchia porta della città e reca il classico segno veneziano del Leone di San Marco. Curiosamente ci sono anche due teste di pietra, una su entrambi i lati dell'arco.

Su uno puoi distinguere la testa di un veneziano con la barba, e dall'altro c'è un turco, che indossa un turbante.

8. Museo del patrimonio storico di Rovigno

Museo del patrimonio storico di Rovigno

Fonte: wikimedia

Museo del patrimonio storico di Rovigno

Questa attrazione è stata fondata da un gruppo di artisti di Rovigno negli anni '50 come un modo per riunire la ricchezza culturale della zona e mostrare il lavoro di pittori e scultori locali.

Quindi c'è uno spazio per la galleria qui con circa 1500 pezzi di arte contemporanea, accanto a sale espositive con importanti manufatti relativi alle varie culture che si insediarono a Rovigno e alla ricca storia marittima della città.

La grande casa del museo è una grande parte del suo fascino; è un palazzo barocco a quattro piani costruito dai Conti di Califfi nel 1600.

9. Orologio della città di Rovigno

Orologio della città di Rovigno

Fonte: flickr

Orologio della città di Rovigno

Se l'orologio della città ha un'aria fortificata, è perché una volta formava le difese meridionali di Rovigno.

Questa torre quadrata nella piazza principale di Rovigno risale al 1100 e ha subito alcune espansioni a suo tempo, in particolare nel 1600 quando fu aggiornata dai veneziani.

Proprio sotto l'orologio è possibile scorgere un rilievo di quel famoso leone alato di San Marco, il simbolo di Venezia.

Per alcune centinaia di anni c'era una prigione a una cella alla base della torre, ora un ufficio di cambio.

10. Spiagge locali

Monte Beach

Fonte: istriasun

Monte Beach

Dopo giorni di visite turistiche, puoi anche parcheggiare vicino al tranquillo mare Adriatico, che sembra particolarmente allettante nelle calde giornate di luglio e agosto.

A pochi chilometri su o giù per il litorale ci sono 13 spiagge. Pochi di questi assomigliano all'immagine tradizionale di una grande baia sabbiosa; Le spiagge dell'Istria sono o insenature nascoste con rocce da cui è possibile tuffarsi, o piccoli archi di ghiaia bianca.

Monte Beach, ad esempio, si trova proprio accanto a Sant'Eufemia nel centro storico, con una scala che porta a una piscina chiusa su tre lati da una roccia.

La spiaggia di ciottoli di Lone Bay è più sviluppata, circondata da una pineta e arredata con lettini.

11. Gastronomia locale

Pasta Fuzi

Per un assaggio genuino dell'Istria, prova la pasta fuzi, che è la varietà di pasta locale.

Si tratta di piccoli fogli arrotolati (relativamente simili alle penne) serviti con una salsa di vitello a base di vino e pomodori. In molti ristoranti grattugiano anche il tartufo bianco in cima.

I tartufi crescono in abbondanza nelle umide foreste di querce dell'Istria centrale e, di fatto, il più grande di tutti i tempi al mondo è stato scoperto fuori Buje nel 1999, con un peso di 1,31 kg!

La connessione italiana dell'Istria è anche chiara dalla quantità di pizzerie tradizionali da forno in città come Rovigno.

12. Dvigrad

Dvigrad "width =" 770 "height =" 514 "srcset =" https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2016/06/Dvigrad.jpg 1024w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2016/06 / Dvigrad-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2016/06/Dvigrad-768x512.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 770px) 100vw, 770px" />

<p class=Fonte: flickr

Dvigrad

Fai un viaggio di 20 minuti attraverso la campagna istriana per vedere le rovine di una città medievale che fu abbandonata nel 1700 durante un'epidemia di peste, per non essere mai ripopolata.

Puoi vedere la torre merlata del castello dal Fiordo di Lim e durante una visita sarai libero di annusare intorno a queste suggestive rovine, tra cui la porta della città, le mura, circa 200 case e le rovine cadenti della chiesa di Santa Sofia.

L'intero sito è in fase di restauro e nel corso del tempo sta prendendo forma una parte di questo inquietante centro storico.

13. Pula

Arena romana di Pola

Fonte: flickr

Arena romana di Pola

Anche se hai solo un interesse passeggero per la storia antica, devi scendere a Pola, nel sud dell'Istria.

Il grande punto di riferimento qui è l'Arena, un vasto anfiteatro romano con alte mura arcuate che rivaleggiano con il Colosseo di Roma.

Rimane così tanto che puoi persino vedere l'infrastruttura originale; i tunnel che i gladiatori navigavano sotto l'arena e le strutture di cui godevano gli spettatori più ricchi.

Vedi anche: Cose da fare a Pola

Sul Foro, anche il Tempio di Augusto è ancora in piedi e una parte attiva della città, così come le porte e gli archi trionfali di un luogo che può sentirsi congelato nel tempo.

14. Parco nazionale di Brioni

Parco nazionale di Brioni

Fonte: atlas-croazia

Parco nazionale di Brioni

Seguire la costa verso il basso in direzione di Pola fino a raggiungere la città balneare di Fasana.

Da qui puoi prendere il traghetto per Veli Brijun, l'isola più grande del meraviglioso Parco Nazionale di Brioni.

Fa parte di un arcipelago di isole in gran parte disabitate con un'affascinante storia naturale e umana. Dalla preistoria la gente si era stabilita qui, ma nel 1700 se n'erano andati a causa degli scoppi di peste.

Assicurati di rintracciare le rovine delle due ville romane e la chiesa di Santa Maria, costruita dai Cavalieri Templari nel 1200. Al Brijuni Cretacious Park puoi anche vedere impronte di dinosauri di 200 milioni di anni incastonate nel calcare.

15. Immersione

Immersioni Rovigno

Fonte: diving-rovinj

Immersioni Rovigno

Che tu sia un esperto, che abbia seguito corsi in passato o che tu abbia appena iniziato, è una buona idea includere le immersioni subacquee nel tuo itinerario.

Qui è tutto perfetto: il mare è per lo più liscio e sicuro e ci sono tutti i tipi di cose interessanti da vedere sotto le onde.

I sub esperti potevano esplorare il relitto del SS Barone Gautsch, una nave mercantile austriaca affondata dopo aver colpito una miniera durante la prima guerra mondiale. Il Valdaliso Diving Center di Ronvinj è uno dei pochi centri di immersione selezionati con il permesso di immergersi in questo emozionante relitto.