15 migliori cose da fare a Geel (Belgio)

Nel sud della regione di Kempen, Geel è una città molto venerata dai pellegrini medievali.

Questo era tutto per Dymphna, una principessa irlandese del VII secolo presumibilmente martirizzata qui.

Fu decapitata dal padre malato di mente, che stava lottando per la morte di sua moglie e desiderava ardentemente lei a causa della sua somiglianza con il coniuge.

Dymphna alla fine divenne il santo patrono dei disturbi mentali e neurologici.

C'è un ospizio medievale dove puoi scoprire di più sui pellegrini che hanno viaggiato fino a Geel e sulle sorelle agostiniane che si sono prese cura di loro.

Sorprendentemente, il moderno Geel mantiene questa tradizione per l'assistenza psichiatrica e circa 300 famiglie aprono le loro case ai pensionanti che soffrono di disturbi psichiatrici.

1. Sint-Dimpnakerk

Sint-Dimpnakerk

A poche centinaia di metri a est dell'attuale piazza del mercato, Sint-Dimpnakerk si trova nel presunto sito in cui San Dymphna fu martirizzato e sepolto nel VII secolo.

Allo stato attuale, l'edificio attuale è del XIV secolo, ma fu danneggiato da un incendio in tutta la città nel 1489. Quindi, mentre gran parte della chiesa, in stile gotico Demer, è costruita in arenaria bianca, noterete che l'imponente la torre venne più tardi, nel XVI secolo, e ha strette fasce orizzontali di arenaria pallida e pietra di ferro più scura.

C'è arte che abbraccia centinaia di anni dentro.

Tra i numerosi pezzi da indagare vi sono una croce trionfale romanica (c. 1200), il ciborio del tardo gotico del XVI secolo (baldacchino), la retra Dimpna del 1515, affreschi raffiguranti il ​​Giudizio Universale (c. 1500) e la meravigliosa tomba rinascimentale dell'alabastro di Jan III van Merode e Anna van Gistel dal 1554. La chiesa possiede circa 20 dipinti, tra cui il barocco martirio di Dymphna (1688) di Godfried Maes.

E infine il tesoro custodisce il reliquiario del 17 ° secolo di Santa Dymphna, un reliquiario romanico del 13 ° secolo in una conchiglia gotica del 16 ° secolo, e due ostensori, uno con quello che si presume essere l'osso mascellare di Gerebernus, confessore di Dymphna, anche martirizzato di Damon.

2. Gasthuismuseum

Gasthuismuseum

Puoi scoprire di più sulla tradizione di Geel per beneficenza in questo ospizio medievale (gasthuis) istituito alla fine del 13 ° secolo.

L'Oud Gasthuis van Geel era gestito da suore agostiniane che accolsero pellegrini portati a Geel dal culto di Santa Dymphna.

Questi sarebbero spesso affetti da un qualche tipo di malattia mentale e sarebbero curati dalle sorelle, insieme a coloro che erano malati della zona.

Il complesso risale dal XV al XIX secolo, la parte più antica è la cappella gotica in mattoni del 1470 e ospita anche un vecchio reparto per i malati.

Il museo dell'ospizio è stato rinnovato nel 2017 e dipinge un quadro della routine quotidiana qui in epoca medievale e della vita delle suore agostiniane.

Un'audioguida coinvolgente ti consente di ascoltare i personaggi del 17 ° secolo, mentre sia le sorelle che i pazienti ti raccontano cosa li ha portati in questo posto.

3. Sint-Amandskerk

Sint-Amandskerk

Guardando questa chiesa parrocchiale, la più antica di Geel, su Markt, è facile dire quali parti sopravvissero a quel devastante incendio del 1489. La navata, i transetti e il coro furono ricostruiti in mattoni a cavallo del XVI secolo, mentre il tardo gotico occidentale la torre e parte della sua sottostruttura sopravvissero, tutte in arenaria bianca Brabante.

L'interno è quasi uniformemente barocco e alcuni noti scultori fiamminghi del 17 ° e 18 ° secolo hanno lavorato agli accessori.

I confessionali e i pannelli delle navate laterali erano di Pieter Valckx (1734-1783), il pulpito del 1715 era di Willem Kerricx (1652-1719) e lo splendido altare maggiore (1748) di Theodoor Verhaegen (1700-1759). Trova anche il tempo per le bancarelle del coro del 17 ° secolo, così come le immagini degli apostoli attaccate alle colonne della navata, di Pieter Scheemaeckers (1640-1714).

4. Markt

Markt

Nel 2010 la piazza del mercato di fronte a Sint-Amandskerk è stata completamente rinnovata.

Questo spazio si era trasformato in un grande parcheggio dopo la seconda guerra mondiale e ora è stato restituito ai pedoni e ai ciclisti della città.

La superficie è stata ridipinta con lastre di granito liscio e pietra calcarea, disposte secondo uno schema che ricorda la storica industria tessile di Geel, evocando un tappeto damascato drappeggiato.

Ci sono anche posti a sedere extra, alberi appena piantati e un gioco d'acqua che i giovani amano in estate.

E, naturalmente, le terrazze di bar, ristoranti e caffetterie sono ora più attraenti che mai.

Visita un martedì mattina e sarai in tempo per il mercato settimanale, scambiando prodotti freschi, cibi speciali, articoli per la casa, abbigliamento e molto altro ancora.

5. Ciclismo

Ciclismo

Fonte: Monkey Business Images / shutterstock

Ciclismo

Se sei il tipo di viaggiatore a cui piace vagare, allora due ruote sono meglio di quattro a Geel.

I ciclisti hanno a disposizione una rete di 2.000 chilometri di sentieri prevalentemente asfaltati, che mettono a portata di mano il patrimonio e la campagna pastorale.

La rete può essere attraversata utilizzando giunzioni numerate o knooppunten e puoi acquistare una mappa dettagliata di questi "nodi" dall'ufficio turistico di Markt.

Lì puoi anche scoprire percorsi brevi o lunghi.

Dato che sei a Geel, potresti essere interessato a approfondire ulteriormente la storia e la leggenda di Saint Dymphna attraverso il Saint-Dimpnaroute di 46 chilometri.

In alternativa, potresti voler scappare alla ricerca delle dune della zona di Kempen attraverso Sporen-in-het-Zand, imparando a conoscere il folklore e le figure storiche della regione mentre procedi.

6. Molen van ’t Veld

Molen Van ’t Veld

Come spesso accade nei mulini a vento storici, questo mulino nella parrocchia di Elsum di Geel è tornato a casa un paio di volte.

Molen van 't Veld salì a 25 chilometri a Heist-op-den-Berg nel 1796 e fu trasferito a Elsum nel 1823. Vi rimase in uso fino a quando il suo ultimo mugnaio morì nel 1987. Negli anni in seguito, questo bellissimo pezzo di patrimonio agricolo iniziò a crollare, prima di essere salvato e trasferito nel Ten Aard.

Molti vecchi messaggi interessanti sono stati scolpiti nelle travi interne e il piano terra è stato trasformato in uno spazio educativo, con strumenti e macchinari conservati.

La prima domenica del mese da aprile a fine settembre è possibile dare un'occhiata all'interno gratuitamente la domenica pomeriggio.

C'è anche un museo della panetteria stagionale nelle vicinanze, che tratteremo in seguito.

7. Stadspark

Stadspark

Cattura una giornata di sole e potresti preferire passeggiare fino al parco cittadino, a pochi passi dalla piazza del mercato.

Questo spazio piccolo ma ben curato è ottimo per i picnic, ma è molto utile per le giovani famiglie.

Una nuova zona giochi, aggiunta negli ultimi due anni, è rivolta ai bambini dai tre ai dieci anni e, oltre a usare il legno come materiale per le sue attrezzature e gli ostacoli, è anche ricoperta da una corteccia di legno tenero.

In estate ci sono concerti all'aperto allo Stadspark, e alla fine di maggio si svolge qui il festival dei camion di cibo Frinket.

8. Halle en Waag

Dopo Sint-Amandskerk, un monumento che attirerà lo sguardo su Markt è il vecchio municipio di Geel e l'annessa ex casa dei pesi (Waag). Il vecchio municipio, De Halle, ha una facciata neoclassica del 1894, ma il nucleo dell'edificio risale molto più indietro, come l'ex sala di stoffa di Geel della seconda metà del XV secolo.

Quando l'industria del tessuto si placò nel 17 ° secolo, l'edificio fu trasformato in municipio.

Di fronte, controlla lo stemma del XIII secolo sul balcone in ferro battuto sopra l'ingresso.

Questo edificio, così come la casa di pesatura accanto, è stato recentemente rinnovato e ha trasformato la sede del dipartimento del turismo e dell'intrattenimento della città.

C'è anche uno spazio espositivo per il centro culturale De Werft di Geel e un caffè con una piccola terrazza di fronte.

9. Mosselgoren

usignoli

Fonte: Raldugina Oksana / shutterstock

usignoli

Vicino al parco divertimenti Bobbejaanland si trova una riserva naturale, sui resti della torbiera Geels Gebroekt.

Mosselgoren ha un arazzo di delicati biotopi, tra cui pozze, prati umidi, canneti e boschi di ontani e altri alberi decidui.

Questo è un ambiente privo di cani a causa della vicinanza della fauna selvatica rara o in via di estinzione ai percorsi.

Luccioli, pettazzurri, zigoli di canna e usignoli si riproducono tutti in questo habitat, e in estate i mosselgoren suonano con farfalle colorate.

10. Bobbejaanland

Bobbejaanland

Geel è una delle città più vicine a questo parco a tema in onore dell'icona pop fiamminga Bobbejaan Schoepen (1925-2010). Schoepen ha fondato questo parco nei primi anni '60 come luogo di esibizione all'aperto e nel corso degli anni Bobbejaanland si è evoluto in un parco tematico a tutti gli effetti.

Ciò che potrebbe affascinarti di questo posto è la quantità di giostre a snodo bianco, come le montagne russe rotanti Naga Bay, o il Typhoon, che ha una prima discesa più ripida della verticale, o Fury, che è diventato le montagne russe più veloci in Benelux quando ha aperto nel 2019 (106,6 km / h di velocità massima). Non si tratta solo di adrenalina a Bobbejaanland; ci sono più di 40 attrazioni, con tanto divertimento per i più piccoli, su una monorotaia e attraverso una varietà di scivoli, spinner e ruote, oltre al parco giochi interattivo Wondergarden.

11. Bakkerijmuseum

Bakkerijmuseum

Proprio accanto a Molen van 't Veld e aperto la domenica pomeriggio dall'inizio di aprile alla fine di settembre è un museo tutto sull'arte della cottura.

Questo è ospitato in una delle più antiche fattorie della zona di Geel ed è stato avviato da un Willy Goossens, un ex fornaio che si innamorò di questo commercio.

Ha accumulato una vasta gamma di oggetti e strumenti che raccontano molto della storia della cottura nella regione di Kempen.

Ci sono ferri da cialda, marchi e forme per tutto, dal marzapane, al gelato, al cioccolato e alle specule.

Interessanti anche i "gettoni di pane" del XIX secolo, una prima forma di sicurezza sociale.

Non perdere il capannone della fattoria, con una collezione di veicoli storici coinvolti nel trasporto del pane e dei suoi ingredienti.

12. Commonwealth Begraaftplaats Geel

Commonwealth Begraaftplaats Geel

Appena fuori Molseweg (N71) nella parte orientale di Geel c'è un cimitero della Seconda Guerra Mondiale per le truppe del Commonwealth uccise dentro e intorno alla città.

Ci sono 400 sepolture nel cimitero, sei delle quali non identificate.

Questo personale ha perso la vita in varie fasi del conflitto; alcuni riguardavano il ritiro a Dunkerque nel maggio 1940 e molti altri morirono negli intensi combattimenti del settembre 1944 per aprire incroci sui canali Albert e Meuse-Scheldt.

Negli anni successivi un certo numero di militari della RAF era stato abbattuto o schiantato attorno a Geel.

Questi erano stati tutti sepolti in un prato o nel cimitero civile di St Dymphna, prima di essere sepolti qui dopo la guerra.

13. Molen van Larum

Cinque minuti a ovest di Markt ti troverai in una scena molto idilliaca, dove un dolce vecchio mulino postale è circondato in campi con pecore e capre.

Cresciuto per macinare la farina, il Molen van Larum è stato sollevato nel 1846 e dotato di un motore a vapore nel 1900. L'ultimo mugnaio ha venduto il mulino a vento alla città di Geel nel 1973 e ha iniziato a macinare la farina dal 1977. Nel 1992 entrambi il mulino e i suoi dintorni bucolici erano protetti come monumento.

Ora, è bello vedere una passeggiata intorno a Larum, ma puoi prenotare un tour attraverso il dipartimento del turismo e dell'intrattenimento di Geel.

14. Kinderboerderij de Heihoeve

Kinderboerderij De Heihoeve

Un'altra attrazione da tenere a mente se ti trovi a Geel con bambini più piccoli è questa fattoria vicino all'Albert Canal, nel sud della città.

Kinderboerderij de Heihoeve apre da marzo a ottobre e accoglie i visitatori sette giorni alla settimana durante le vacanze scolastiche.

Nella fattoria c'è un piccolo serraglio di animali domestici, tra cui pony, cavalli, galline, porcellini d'India, conigli, pecore, capre e alpaca, oltre a un parco giochi.

Durante tutta la stagione ci sono giorni dedicati a determinate attività, come cavalcate sui pony, toelettatura di cavalli e pony e coccole degli animali più piccoli della fattoria.

Questo calendario è pubblicato sul sito web dell'attrazione.

15. Palmenmarkt

Palmenmarkt

La più grande fiera primaverile della regione si svolge a Geel per cinque giorni a partire dal venerdì prima della Domenica delle Palme.

L'evento si svolge su Markt, ma anche nelle vicinanze di Havermarkt e Werft, e inizia con un discorso del sindaco alle 18:00, seguito da un suono delle campane di Sint-Amandskerk.

Centinaia di palloncini vengono poi rilasciati nel cielo e c'è uno spettacolo pirotecnico alle 22:00 di quella notte.

Nei prossimi quattro giorni ci sono fino a 150 giostre e divertimenti per il centro della città.

Il Palmenmarkt risale alla fine del 14 ° secolo, quando Geel era un centro commerciale cruciale per la sua posizione su strade a lunga distanza.