15 migliori cose da fare a Courtrai (Belgio)

Nel Medioevo questa città sul Leie era alimentata da un redditizio settore del lino e del lino, che generava scambi commerciali con l'Inghilterra e la Francia.

Kortrijk ha anche un certo prestigio per la Battaglia degli speroni d'oro (1302), una vittoria per le Fiandre contro i francesi, ora segnata da una festa nazionale per la Comunità fiamminga.

Più tardi, il trattato di Courtrai (1820) stabilì il confine tra Belgio e Francia che è ancora in vigore oggi.

Con chiese medievali, un beghinaggio intatto del XVII secolo e torri iconiche, Courtrai ha moltissime storie da approfondire, ma si distingue anche per la sua moderna pianificazione urbana.

Negli ultimi decenni il Leie è stato reso navigabile su grandi navi, richiedendo un massiccio progetto di rigenerazione, mentre nel 20 ° secolo il centro storico della città è stato trasformato in una delle più grandi zone senza auto del Belgio.

1. Begijnhof Kortrijk

Begijnhof Kortrijk

Fonte: Kiev.Victor / shutterstock

Begijnhof Kortrijk

Come un incantevole paesino su un nodo di vicoli all'interno della città vecchia, il beghinaggio di Kortrijk, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, fu fondato nel XIII secolo da Giovanna, contessa delle Fiandre (1199-1244). Questo complesso per religiose laiche, incastonato tra le due chiese principali della città, è stato saccheggiato più volte, in particolare durante l'epocale Battaglia degli speroni d'oro del 1302. Le 41 case risalgono al 17 ° secolo e si sarà in grado di realizzare fuori dalla casa della madre superiora (Grootjuffrouw) dal suo timpano a doppio gradino.

Il piano terra del Sint-Annazaal, con una caratteristica torre angolare, ospita un centro di esperienza che spiega il significato di questo sito e dei beghinaggio in generale.

C'è anche uno show-house per un assaggio di vita al beghinaggio, al n. 41, vicino all'ingresso principale del cortile.

L'intero sito è visitabile gratuitamente e puoi prendere in prestito un'audioguida per aiutarti a interpretare il beghinaggio e i suoi dintorni storici.

2. Broeltorens

Broeltorens

Fonte: Kiev.Victor / shutterstock

Broeltorens

A partire dal IX secolo i Conti delle Fiandre costruirono un castello e un complesso difensivo in quello che oggi è il centro di Kortrijk.

Tutto ciò che rimane delle mura medievali che la difendevano è una coppia di torri circolari di arenaria e calcare su entrambe le sponde del fiume Oude Leie.

Questi sono i Broeltoren, e sebbene siano quasi identici, le strutture furono costruite in tempi diversi e avevano ruoli diversi.

Sul lato sud è la Speytorre installata nel 1385 per controllare il traffico sul Leie.

L'Inghelburghtorre attraverso l'acqua è del 1415 ed era un arsenale.

Un tempo facevano parte di un sistema difensivo medievale che fu demolito nel 17 ° secolo dal famoso ingegnere militare, Vauban.

Il ponte tra loro è il Broelbrug, che fu fatto saltare nel 1918 e di nuovo nel 1940 prima di essere riportato al suo aspetto originale.

3. Kortrijk 1302

Kortrijk 1302

Nel Begijnhofpark c'è un museo di storia multimediale ospitato in un edificio appartenente all'abbazia cistercense di Groeninge.

Questo monastero risale al 13 ° secolo, ma dopo che l'abbazia fuori dalle mura fu distrutta dagli spagnoli, una nuova fu costruita all'interno delle mura della città nel 1580.

Il museo si trova in un dormitorio costruito nel 17 ° secolo.

La data del 1302 si riferisce alla battaglia degli speroni dorati nella guerra franco-fiamminga (1297-1305), combattuta vicino ai Campi di Groeninge e risultando in una vittoria a sorpresa per i fiamminghi.

Successivamente divenne una pietra miliare e l'11 luglio la data della battaglia divenne la festa ufficiale della comunità fiamminga in Belgio.

Il museo ti dice tutto ciò che devi sapere sulla battaglia, le sue cause e conseguenze e spiega come la data sia diventata simbolica per il movimento fiammingo nel 1800 e nel 1900.

4. Onze-Lieve-Vrouwekerk

Onze-Lieve-Vrouwekerk

Dopo la Battaglia degli speroni d'oro, i vincitori hanno appeso gli speroni d'oro di 500 cavalieri francesi morti al soffitto di questa ex chiesa collegiata.

Gli originali furono saccheggiati più tardi nello stesso secolo e sostituiti con repliche che sono ancora lì oggi.

Questa chiesa inizialmente romanica si innalzò alla fine del XII secolo all'interno di quello che allora era il complesso curvo del castello dei Conti delle Fiandre.

Rimangono le mura occidentali, la navata e il transetto di questo primo edificio, mentre il resto fu rielaborato nel corso del XV secolo.

L'interno è stato successivamente aggiornato in stile barocco.

Nel XIV secolo Gravenkapel (Cappella dei Conti), vedi i meravigliosi dipinti murali, le vetrate e l'immagine della Santa Catharina, considerata un capolavoro.

Nel 1631 il canonico Roger Braye commissionò a Anthony van Dyck la pittura della Resurrezione della croce per la chiesa e, dopo essere stato rimosso in seguito alla Rivoluzione francese, questo capolavoro fu riportato all'altare nel 1817, dove rimane oggi.

5. Grote Markt

Grote Markt

Fonte: Steven Van Aerschot / shutterstock

Grote Markt

Come vedremo, la piazza principale nel cuore storico della città è nata alla fine del XIX secolo con la demolizione dell'Oude Lakenhalle (Old Cloth Hall) attorno al Campanile.

Prima di allora c'era un ciclo di quadrati più piccoli qui, ognuno con mercati per beni diversi, come uova, generi alimentari, ceramiche, frutta e vestiti.

Guardando Grote Markt su una mappa noterai che il lato orientale ha una curva, e questo rintraccia le mura perdute di quel castello del IX secolo fondato da Baldovino II, conte di Fiandre.

La piazza fu pedonale nel 1999-2000 e tra i luoghi da vedere ci sono lo Historisch Stadhuis (Municipio) e il Campanile, che arriveremo in basso.

Vale anche la pena dare un'occhiata più da vicino alla casa di città Den Roeland al n. 19, che nonostante la facciata neoclassica del XVIII secolo ha una storia che risale al Medioevo.

Si trova sopra il seminterrato a volta in mattoni del XIII secolo e ai suoi tempi è stata una scuola, un magazzino, un quartier generale per l'esercito inglese nel 18 ° secolo, un ospedale militare e una loggia massonica.

6. Historisch Stadhuis

Historisch Stadhuis

Fonte: Lev Levin / shutterstock

Historisch Stadhuis

Ad attirare l'attenzione sul lato nord di Grote Markt, si trova il magnifico municipio storico, che ha un nucleo del 1418 e una facciata completata intorno al 1520. Questo è in uno stile di transizione tra il tardo gotico e il Rinascimento, ed è anche notevole per il 14 nicchie al primo piano con sculture dei Conti delle Fiandre.

Potrai entrare per vedere il Vierschaar (Sala degli Aldermen) e il Raadzaal (Sala del Consiglio). Il primo era in uso fino al 1787 ed è ora un luogo di nozze.

Mentre sei lì, controlla le vetrate colorate, i murales del XIX secolo, le figure allegoriche scolpite che raffigurano Lady Justice che ancorano le travi del soffitto e l'incredibile caminetto del tardo gotico del 1527. C'è un'altra sublime caminetto nella Sala del Consiglio, scolpita in pietra arenaria e legno con figure allegoriche di giustizia (sinistra) e pace (destra) e con al centro Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero.

Ci sono anche meravigliose incisioni in questa sala in cui le travi incontrano le pareti, rappresentando passaggi della Bibbia e della letteratura classica.

7. Museo delle texture

Avrai una migliore comprensione della storia e del presente di Kortrijk dopo una visita a questo museo aperto nel 2014 sotto una scintillante corona d'oro.

Il Museo delle Trame racconta la storia della crescita del lino nella Leie Valley, spiegando come questo raccolto è stato trasformato in lino, che è stata la linfa vitale di Kortrijk per secoli e rimane un pilastro dell'economia locale.

Mentre la nobiltà spendeva fortune su pizzi e damasco, a Kortrijk venivano prodotti tessuti di base per le masse.

A partire dal XIV secolo il "lino di Courtrai" divenne un leader del mercato ed era molto ricercato all'estero.

A ovest del centro, nel quartiere di Overleie, il museo si trova in un deposito convertito (1912) per il lino "oscillato".

Ci sono tre stanze principali da esplorare: il Leiekamer ti dice tutto sull'industria del lino e sui suoi attori chiave nella regione di Leie; il pratico Wonderkamer ti mostra le moderne applicazioni del lino, mentre lo Schatkamer sfoggia una meravigliosa e preziosa collezione tessile, ricca di lacci e damasco.

8. Campanile

Campanile

Fonte: Kiev.Victor / shutterstock

Campanile

Un emblema duraturo per Kortrijk, il campanile aggiunto alla piazza del mercato all'inizio del XIV secolo, quando la città stava sorgendo come un hub per l'industria tessile fiamminga.

Per centinaia di anni fino alla fine del XIX secolo, questa torre autoportante faceva parte del complesso Oude Lakenhalle (Old Cloth Hall).

Questo era un insieme di case, che in precedenza aveva contenuto la Sala dei panni prima di trasferirsi in locali più grandi a metà del XVI secolo.

Quelle case furono demolite all'inizio del XX secolo come parte di un progetto per migliorare i servizi igienico-sanitari nella città vecchia.

Il suono delle campane della torre era parte integrante della vita in città, segnando il tempo, le ore di lavoro, le emergenze e tutti i tipi di eventi.

Come lo vediamo ora, il design dell'edificio risale al 1520 e la statua dorata di Mercurio in cima è del 1712. Gli attuali Jacquemarts, un uomo chiamato Manten e una donna di nome Kalle, sul lato est della guglia, furono aggiunti nel post- restauro bellico nel 1961 e domenica, festivi e giorni di mercato, potresti assistere a un piccolo concerto del carilloneur.

9. Sint-Maartenskerk

Sint-Maartenskerk

Fonte: Kiev.Victor / shutterstock

Sint-Maartenskerk

Il santo merovingio Eligius 588-660 fondò una chiesa proprio in questo sito nel 650. Quell'edificio divenne un luogo di culto romanico, sostituito nel XIV e XV secolo dall'attuale edificio gotico.

Ciò che ti afferrerà è l'altezza della torre, che domina Grote Markt a ovest e a 83 metri è ancora una delle strutture più alte di Kortrijk.

Nel 1862 la guglia di legno ornato della torre fu colpita da un fulmine, bruciando e portando con sé il coro, i cori laterali e la cappella di Sant'Anna.

Questi furono presto restaurati in stile neogotico.

Entra per ammirare una serie di importanti opere d'arte, come il Trittico di Spirito Santo (1587), che mostra la creazione di Adamo e il battesimo di Gesù.

Notevole anche la torre sacramentale per il pane eucaristico, che si innalza per 6,5 metri e fu costruita nel 1585. Il 15 ° secolo Sint-Elooiskapel (Eligius) è stato trasformato in un tesoro dove è possibile apprezzare altri capolavori della chiesa, tra cui arazzi e dipinti del 17 ° secolo secolo.

10. Baggaertshof

Baggaertshof

A Sint-Jansstraat, sul lato est del vecchio centro, si trova un ospizio conservato istituito nel 1638 per 13 donne indigenti.

Il Baggaertshof prende il nome dal suo fondatore Josijne Baggaert e le sue 13 casette e la cappella si affacciano verso l'interno su un cortile rettangolare.

Un coprifuoco è stato rigorosamente applicato (20:00 in inverno) e gli abitanti dovevano pregare ogni sera nella cappella e ringraziare i benefattori.

Sull'altare della cappella c'è una scultura policroma della Madonna col Bambino prodotta nel 1626 dal maestro scultore Jan Bolle Veys di Kortrijk e dipinta da Joes van Moerkercke, anch'esso di Kortrijk.

Il giardino delle erbe del Baggaertshof è stato costruito per secoli e cresce un raro gelso bianco, un bellissimo albero di agrifoglio, una locusta nera, un lillà e un albero di nocciole.

Nel 1981 fu anche piantato un orto medicinale e coltivava più di 300 erbe diverse.

11. Vie pedonali dello shopping

Vie pedonali dello shopping

Vedremo che Kortrijk è stata una vera pioniera quando si tratta di pianificazione urbana.

Korte Steenstraat nel centro storico è diventata la prima strada pedonale dello shopping in Belgio nel 1962. Al centro di questa strada e la perpendicolare Lange Steenstraat è una delle più grandi aree urbane senza auto del paese, dotata della maggior parte dei marchi che speri di sperare di trovare in un quartiere dello shopping belga, così come bar, pasticcerie e panetterie.

Dal 2010 questo è stato migliorato sul lato est dal centro commerciale K di Kortrijk, che comprende 90 inquilini tra cui H&M, Zara, HEMA, Claire's, Casa, C&A, Esprit e MediaMarkt.

12. Banks of the Leie

Banche del Leie

Fonte: Sergey Dzyuba / shutterstock

Banks Of The Leie

Quando sali sulla riva del Leie vedrai un corso d'acqua che è stato modellato da mani umane per centinaia di anni.

Il braccio a sud dell'isola di Buda, tra i Broeltorens, è tutto ciò che rimane del naturale Oude Leie.

La Nieuwe Leie è stata modellata per il trasporto marittimo già nel 1580, ma il più grande sconvolgimento ha avuto luogo negli ultimi 40 anni.

Per consentire alle navi fino a 4400 tonnellate di navigare nel fiume tra la Francia e lo Schelda, il Leie è stato approfondito e ampliato, il che ha richiesto un enorme progetto di rinnovamento urbano a Kortrijk, fornendo alla città spazi verdi e spazi ricreativi come Buda Beach.

Tra il 1997 e il 2012 sono stati costruiti sei nuovi ponti per il fiume a Kortrijk, dando nuova vita al paesaggio urbano.

Come parte dello stesso progetto, anche le sponde di fronte ai Broeltorens furono abbassate, creando pittoresche piazze con gradini e panche.

13. Buda-Eiland

Buda-Eiland

Una conseguenza dell'allargamento del Leie è che questa isola tra le due braccia del fiume è cresciuta molto negli ultimi decenni.

Buda, storicamente sulla riva nord del Leie, fa parte del centro storico, ma un altro progetto di rinnovamento urbano a lungo termine ha stabilito l'isola come un focolaio per le industrie creative.

Per i visitatori questo significa che puoi vedere l'arte visiva contemporanea presso BUBOX, guardare acclamati film indipendenti a Budascoop o assistere a spettacoli dal vivo per tutti i tipi di discipline a Buatoren.

Nell'angolo nord-est dell'isola c'è Buda Beach, un parco paesaggistico abilmente con un caffè, oltre a sabbia e sedie a sdraio in estate.

14. Stadswandelroute "Metamorfose van de stad"

Metamorfose Van De Stad

L'ufficio del turismo ha allestito un percorso a piedi intorno a Courtrai, con un percorso segnato sul terreno con rivetti in rame sbalzato.

Partendo da Begijnhofpark, "Metamorphosis of the City" ti porterà ovviamente a tutti i grandi monumenti, ma ti mostrerà anche le nuove aree sulle rive del Leie.

Puoi acquistare una mappa da Toerisme Kortrijk, ma esiste anche una versione audio per smartphone, piena di fatti e aneddoti che non ti sarebbero altrimenti capitati.

Entrambi sono disponibili in inglese, olandese e francese.

15. Internationale Rozentuin Kortrijk

Internationale Rozentuin Kortrijk

Questo magnifico roseto formale si trova a sud di Courtrai, nel parco del Kasteel t'Hooge, una casa padronale risalente al 1830.

In un ettaro, l'Internationale Rozentuin è stata progettata nel 1959 ed è un giardino sperimentale, dove vengono testati tra 100 e 150 nuovi tipi di rose sviluppate in Europa per un periodo di due anni.

Dopo questo lasso di tempo una giuria internazionale valuta ogni rosa sulla base di criteri quali profumo, resistenza alle malattie e aspetto delle sue fioriture e del fogliame.

Accanto al giardino degli esperimenti c'è una dimostrazione, in cui puoi apprezzare circa 200 varietà che hanno raggiunto il grado nel corso degli anni.

L'Internationale Rozentuin è aperto al pubblico, l'ingresso è gratuito e il giardino è al suo meglio da giugno a settembre.