15 migliori cose da fare a Cluj-Napoca (Romania)

Città universitaria dinamica e giovane, la capitale della Transilvania è il secondo centro urbano più popoloso della Romania. Fedele allo sfondo sassone della Transilvania, Cluj-Napoca è dotato di meraviglie gotiche come la splendida chiesa di San Michele e la chiesa riformata.

Cluj-Napoca ha anche un'eccitante eredità storica come la casa dei duchi ungheresi e il luogo di nascita del re ungherese del XV secolo Matthias Corvinus, che viene ricordato con un'imponente statua di fronte a San Michele.

Per la cultura, puoi conoscere le tradizioni e la storia rurali al museo etnografico, che ha una magnifica mostra all'aperto con centinaia di case ricostruite. C'è anche un giardino botanico di fama nazionale, parchi eleganti e una gola epica che ti aspetta appena fuori città.

Esploriamo il migliori cose da fare a Cluj-Napoca:

1. Chiesa di San Michele

Chiesa di San Michele, Cluj-Napoca

Fonte: Mariia Golovianko / shutterstock

Chiesa di San Michele

La vista dei pesi massimi di Cluj-Napoca è questa splendida chiesa gotica del XV secolo in Piazza Unirii.

Con tre navate uguali e una lunghezza di 70 metri e un'altezza di 80 metri, poche chiese in Romania possono eguagliare il potere di San Michele e la pura profondità della storia.

Il re d'Ungheria e la Croazia del XV secolo Mathias Corvius, fu incoronato in questo edificio non molto tempo dopo il suo completamento nel 1464. Quasi 500 anni dopo ci fu un altro momento importante in cui il vescovo Áron Márton parlò apertamente contro l'Olocausto in questa chiesa, anche mentre gli ebrei venivano ancora tenuti nel ghetto di Kolozsvár.

Dopo i restauri nel 20 ° secolo, affreschi risalenti al 1400 furono rivelati in diverse parti della chiesa.

Il più completo di questi può essere visto nella Cappella Schleunig sud-occidentale.

Nel 18 ° secolo lo scultore nato a Cluj, Johannes Nachtigall, scolpì l'elevato pulpito e l'altare dei Re Magi.

2. Museo d'arte di Cluj-Napoca

Palazzo Bánffy, Cluj-Napoca

Fonte: denys davydenko / shutterstock

Palazzo Bánffy, Cluj-Napoca

Dall'altro lato della Strada Iuliu Maniu, il Palazzo Bánffy è un maestoso partner della chiesa di San Michele.

Questa residenza barocca del XVIII secolo fu progettata dall'architetto tedesco Eberhard Blaumann e fu costruita a metà del 1770 per il duca ungherese György Bánffy.

Tra gli ospiti di alto rango vi è l'imperatore del Sacro Romano Impero Francesco II che visitò con sua moglie Caroline Augusta nel 1817. Il museo ospita opere di alcuni dei più famosi pittori rumeni come l'impressionista Ion Andreescu e il postimpressionista Nicolae Tonitza.

Ma ancora più emozionante è l'altare tardogotico di Jimbor, un polittico del XVI secolo con al centro figure scolpite della Madonna col Bambino.

3. Orto Botanico

Orto Botanico, Cluj-Napoca

Fonte: belu gheorghe / shutterstock

Orto Botanico, Cluj-Napoca

A pochi minuti a piedi dal centro storico si trova un giardino botanico di 14 ettari tracciato negli anni '20.

Ci sono 11.000 specie diverse qui, piantate in serre e una miriade di singoli giardini disposti secondo geografia o applicazioni come la medicina e le attività storiche.

C'è anche un'area dedicata all'ornamento e al design, dove troverai il rosario, il giardino mediterraneo e un autentico giardino giapponese.

Come per tutte le attrazioni botaniche, il giardino è meglio visitabile in primavera e in estate, ma in qualsiasi momento dell'anno puoi chiamare il Museo Botanico e l'erbario, che ha 660.000 fogli di piante essiccate negli armadi.

4. Museo nazionale di storia della Transilvania

Museo Nazionale di Storia della Transilvania, Cluj-Napoca

Fonte: ollirg / shutterstock

Museo nazionale di storia della Transilvania

Per avvolgere la testa nella complessa e tumultuosa storia della Transilvania, vieni in questo edificio dipinto di pastello rosso su Piaţa Muzeului.

Le mostre iniziano con la Preistoria, che ti porta attraverso il Paleolitico e il Neolitico, nell'età del bronzo e del ferro, mostrando strumenti, ossa, gioielli e ceramiche.

Ci sono anche monete e oggetti in vetro della dacia romana, documenti medievali, armi e mobili dell'Europa occidentale di diversi periodi.

Una mostra di spicco è un sarcofago egiziano del III secolo a.C., oltre a circa 700 piastrelle di stufe che vanno dal 1300 al 1800.

Al momento della stesura del documento il museo è stato temporaneamente chiuso per lavori di ristrutturazione.

5. Raccolta della storia della farmacia

Raccolta della storia della farmacia, Cluj-Napoca

Fonte: www.visitclujnapoca.ro

Collezione di storia della farmacia

Casa Hintz ospita la farmacia più antica di Cluj-Napoca, risalente al 1573. Nel 1954 fu aperto un museo al suo interno, e nel tempo la collezione è cresciuta fino a 1.800 pezzi, offrendo un resoconto completo di farmacie e medicine in Transilvania dal 1500 al 1900.

Questi vasi storici, bottiglie, alambicchi di rame, storte di vetro, bilance e libri vanno di pari passo con gli accessori originali della farmacia, come un bellissimo murale barocco nel negozio principale del 1766 e un armadio con un dipinto raffigurante il ciclo di vita umano.

Puoi anche sfogliare alcune delle bizzarre sostanze che sono passate per la medicina secoli fa, come gli occhi di aragosta, il theriac veneziano (antidoto velenoso) o la mummia (mummie umane in polvere).

6. Parcul Central

Parcul Central

Ora più di 190 anni, il parco principale di Cluj è stato uno dei primi spazi pubblici per la ricreazione in Europa orientale.

Parcul Central è un monumento storico ufficiale ed è delimitato dall'elegante Cluj Arena ad est e dal fiume Someșul Mic a nord.

Anche nei giorni di congelamento in inverno potresti recarti qui per passeggiare per i graziosi vicoli, abbelliti da una magnifica fontana in marmo, uno stagno, un chiosco e il suggestivo vecchio casinò, che è tracciato da un colonnato.

Ma naturalmente, l'estate è quando il parco si presenta autonomo, quando è possibile cenare sulla terrazza del padiglione dell'isola e noleggiare una pedalò o una barca a remi dal molo.

7. Cattedrale metropolitana ortodossa

Cattedrale Metropolitana Ortodossa, Cluj-Napoca

Fonte: ollirg / shutterstock

Cattedrale Metropolitana Ortodossa

Costruita in dieci anni fino al 1933, la cattedrale ortodossa di Cluj-Napoca è una rinascita dello stile Brâncovenesc, che apparve per la prima volta alla fine del 17 ° secolo e mescolò architettura bizantina e rinascimentale.

La cupola principale ha sfumature della Basilica di Santa Sofia a Istanbul, ed è sorvegliata da quattro torri, ognuna con archi semicircolari.

All'interno, quella cupola centrale è sostenuta da 18 pesanti colonne.

Gli spettacolari mosaici interni risalgono al 2001 e sono stati prodotti con vetro di Murano dall'artista Virgil Morariu.

Questi completano i murales originali dipinti all'inizio degli anni '30 da due professori dell'accademia d'arte di Cluj-Napoca.

8. Chiesa dei scolopi

Chiesa dei scolopi, Cluj-Napoca

Fonte: Fotokon / shutterstock

Chiesa dei scolopi, Cluj-Napoca

Risalente agli inizi del 1720, questo monumento è un luogo dal vero significato storico.

Fu la prima chiesa barocca in Transilvania, nonché il primo luogo di culto cattolico romano dopo la Riforma nel XVI secolo.

La chiesa fu fondata dai Gesuiti e poi consegnata ai Scolopi quando l'ordine dei Gesuiti fu soppresso nel 1773. La facciata è dipinta a colori vivaci in arancione e giallo e ha lesene, pergamene, un bassorilievo della Santissima Trinità sopra il portale e nicchie con sculture.

L'interno è ancora più ricco, con un altare che sale dal pavimento al soffitto e presenta statue d'argento dei santi gesuiti Francesco Saverio e Ignazio di Loyola.

Questi sono di origine austriaca, mentre un altro austriaco, Anton Schuchbauer, scolpì l'esuberante pulpito e tettoia del 18 ° secolo.

9. Parco etnografico di Romulus Vuia

Parco etnografico di Romulus Vuia

Fonte: antal tiberiu alexandru / shutterstock

Parco etnografico di Romulus Vuia

Nella periferia occidentale è un museo all'aperto per una visione profonda della vita rurale della Transilvania.

Istituito su una collina nel 1929, il parco ha 200 edifici storici che sono stati portati qui in pezzi e ricostruiti.

Le più belle di queste sono due chiese sassoni del 18 ° secolo con murali all'interno, mentre più di 30 sono aperte e fanno luce sui mezzi di sussistenza tradizionali come la lavorazione dei metalli, la ceramica, l'allevamento di animali, la muratura in pietra, l'estrazione contadina e molti altri.

Le case e le officine provengono da tutta la Transilvania e dalla Romania centrale, dai Monti Apuseni nei Carpazi occidentali alla Terra di Székely nei Carpazi orientali.

Continua con una visita al Museo Etnografico della Transilvania nel centro della Città Vecchia.

10. Chiesa riformata

Chiesa riformata, Cluj-Napoca

Fonte: Alex Ionas / shutterstock

Chiesa riformata, Cluj-Napoca

Su Strada Lupului, questa chiesa gotica è stata il principale luogo di culto per la comunità calvinista di Cluj-Napoca per quasi mezzo millennio.

È anche la sede del Distretto della Chiesa riformata della Transilvania, che contava 500.000 membri all'ultimo conteggio.

L'edificio iniziò come chiesa monastica minoritaria nel 15 ° secolo e ha lo stile di una chiesa a sala tedesca, con una sola navata e senza transetto.

Dai un'occhiata all'interno delle volte a costole, il pulpito rinascimentale della Transilvania riccamente decorato del 1646 e l'organo nella galleria sul lato ovest.

Prova a scoprire quando è in programma il prossimo concerto, poiché l'acustica della chiesa è di prim'ordine.

11. Casa Matia (Matthias Corvinus House)

Casa Matia, Cluj-Napoca

Fonte: L'originale uploader era Istvánka su Wikipedia ungherese. / Wikimedia

Casa Matia, Cluj-Napoca

Al n. 6 in Strada Matei Corvin sarai nella città natale di Matthias Corvinus, re di Ungheria e Croazia dal 1458 al 1490. Tra i monarchi più celebri del periodo, nacque qui nel 1443 ed era figlio del Voivode (come un generale o principe) della Transilvania, John Hunyadi.

La casa non è aperta al pubblico in quanto viene utilizzata dall'Università di Design e Belle Arti di Cluj-Napoca.

Ma ci sono due targhe che segnano l'importanza dell'edificio, che a suo tempo conteneva una prigione, un ospedale e un museo.

Il portale ogivale gotico e le bifore danno un accenno all'età della casa.

12. Monumento a Mattia Corvino

Monumento a Mattia Corvino, Cluj-Napoca

Fonte: Fotokon / shutterstock

Monumento a Mattia Corvino

Di fronte alla chiesa di San Michele in Union Square (Piața Unirii) c'è una statua solenne, più grande di quella a grandezza naturale del re del XV secolo.

L'opera del principale scultore ungherese, János Fadrusz, il monumento è stato inaugurato nel 1902 e mostra Matthias Corvinus a cavallo.

Con un'altezza di 12 metri, raffigura il cavallo di Corvinus con tutti e quattro gli zoccoli a terra, e si ritiene che ciò mostri che il re è morto per cause naturali e non in combattimento.

Alla base del piedistallo ci sono altre quattro statue raffiguranti figure eminenti del suo regno come il viceré di Ungheria e il Principe di Transilvania, che sono entrambi posizionati alla sua destra.

13. Lago Tarnița

Lago Tarnița, Cluj-Napoca

Fonte: Anna Kepa / shutterstock

Lago Tarnița, Cluj-Napoca

Un'escursione all'aperto d'elezione in estate per i residenti di Cluj-Napoca, il lago Tarnița è un serbatoio d'acqua creato dalla diga Tarnița nel 1974. A 20 minuti a ovest della città, il serbatoio ha una dimensione di 215 ettari e si snoda tra alte colline che hanno un manto di foresta.

Puoi informarti a livello locale sulle attività sul lago, tra cui la nautica, lo sci d'acqua e la pesca, oppure puoi semplicemente fare un picnic e trascorrere qualche spensierata ora sulla riva in una giornata calda, facendo un tuffo occasionale nell'acqua fresca.

Il litorale è anche un piacere per gli escursionisti a cui non dispiace andare fuori pista per i migliori punti panoramici del lago.

14. Gola del Turda

Gola del Turda

Fonte: Iulius Agency / shutterstock

Gola del Turda

Se hai qualche ora da perdere, guida fino a questo canyon calcareo a circa 30 chilometri a sud di Cluj-Napoca.

Una delle destinazioni di arrampicata preferite della Romania, la gola di Turda è lunga quasi tre chilometri, con pareti che raggiungono i 300 metri.

Le superfici sono piene di circa 60 grotte, la maggior parte delle quali non sono profonde più di qualche metro, mentre le più grandi si nascondono nella roccia per 120 metri.

Queste cavità furono abitate durante il periodo neolitico.

I camminatori possono scegliere di rimanere bassi vicino al fiume o combattere fino al gradiente per vedere la gola dall'alto, il che è difficile ma merita lo sforzo.

15. Kürtőskalács

Kurtoskalacs

Fonte: Dar1930 / shutterstock

Kurtoskalacs

Ogni volta che c'è un evento pubblico in Transilvania, sentirai l'invitante profumo di questa "torta allo spiedo" in onda.

Kürtőskalács è nato con la popolazione ungherese nella Terra di Székely ad est ed è una semplice torta fatta in un modo piuttosto complicato.

Un impasto a base di farina, latte, zucchero e lievito viene versato su uno stampo cilindrico e poi girato su un carbone ardente e imbastito con burro fino a doratura.

Quando lo stampo viene rimosso, si ottiene una torta cava che viene quindi normalmente ricoperta di zucchero e noci tritate e si abbina perfettamente con il caffè.