15 migliori cose da fare a Čačak (Serbia)

Arrivando a Čačak nella montuosa Serbia occidentale, passerai più del tuo viaggio fuori città che in esso. Questo non è un insulto a questa simpatica città di 73.000 abitanti, ma sottolinea quanta bellezza ci sia nel cortile di Čačak. Il tesoro indiscusso è la gola Ovčar-Kablar, facilmente uno dei luoghi più belli e significativi dal punto di vista culturale della Serbia.

Nel rifugio di due cime montuose si trova un canyon carsico calcareo, sede di numerosi monasteri medievali che sono attivi fino ad oggi. Forse questa meravigliosa cornice si presta a una riflessione pacifica, perché abbiamo alcuni monasteri da visitare in questa lista. Aggiungi a loro terme, catene montuose e alcune delle attrazioni e attrazioni del centro di Čačak.

Esploriamo il migliori cose da fare a Čačak:

1. Gola di Ovčar-Kablar

Gola Ovčar-Kablar

Fonte: Slavica Stajic / shutterstock

Gola Ovčar-Kablar

L'ovest di Čačak è un luogo di straordinaria bellezza, sia per la sua natura che per la profusione di monasteri, che risalgono al 1300.

Più di 30 monasteri furono fondati intorno alla gola, e questo ha portato a confronti con il Monte Athos in Grecia.

Il robusto canyon carsico si trova sul fiume Morava occidentale e prende il nome dalle due montagne che sovrastano: Ovčar a nord e Kablar a sud.

Mentre affronti i sentieri di montagna e assapora le vedute del fiume serpentino e delle scogliere a picco, saprai chi la gola è diventata un luogo di meditazione e spiritualità.

2. Visita i monasteri di Ovčar-Kablar

Monastero Ovcar-Kablar

Fonte: Dule_N / shutterstock

Monastero Ovcar-Kablar

Dei 30 monasteri stabiliti lungo la gola, dieci rimangono oggi, nove dei quali sono ancora attivi.

I primi furono fondati nel XIV secolo dopo che le comunità religiose sul Monte Athos fuggirono dall'isola e si diressero in Serbia per sfuggire agli attacchi dei pirati.

La maggior parte è del XVI e XVII secolo e ha dovuto essere abbandonata prima di essere rinnovata dopo il dominio ottomano.

Uno da non perdere è il Monastero dell'Annunciazione alla Vergine Maria, che si trova sulla riva sinistra del Morava e presenta affreschi risalenti all'inizio del 17 ° secolo.

Vedi anche la straordinaria chiesa rupestre di Kađenica, dove i resti di gente del posto uccisa mentre si rifugiano dagli ottomani si trovano in due sarcofagi sotto l'altare.

3. Monastero di San Nicola (Manastir Nikolje Kablarsko)

Manastir Nikolje Kablarsko

Il più antico e forse il più importante dei rimanenti monasteri si trova alla base del Monte Kablar.

Le sue origini esatte sono vaghe, ma a giudicare dalla sua architettura la chiesa può essere datata al 1300.

D'altra parte si sa molto del monastero e dei suoi monaci nel XIV e XV secolo a causa del Nikoljsko jevanđelje.

Questi erano manoscritti miniati prodotti in questo complesso e ora conservati in Irlanda dopo la scomparsa durante la seconda guerra mondiale.

Nella seconda rivolta serba, Miloš Obrenović si nascose dal turco costretto a San Nicola, e rivestendo le pareti sono affreschi dal 1567 al 1637.

4. Monastero della Visitazione (Manastir Sretenje)

Manastir Sretenje

Fonte: Ivan Marjanovic / shutterstock

Manastir Sretenje

Sulla riva destra del Morava, nessuno è sicuro di chi abbia fondato questo monastero.

Ma la sua prima menzione fu registrata nel 1571 appena 50 anni prima che venisse demolita.

Fu restaurato grazie agli sforzi di un uomo, Nikifor Maksimović, che in seguito divenne vescovo di Žiča.

Ma quella non fu la fine dei problemi del monastero poiché fu bombardato dai tedeschi nel 1941 e dovette essere ricostruito ancora una volta.

Ci sono bellissimi murales dell'artista Živko Pavlović del diciannovesimo secolo, e il campanile della chiesa contro la possente cima di Ovčar è un'opportunità fotografica di una vita.

5. Gradsko Šetalište

Gradsko Šetalište

La strada urbana più animata di Čačak è questa passeggiata da est a ovest.

Gradsko Šetalište ha case signorili antiche decorate con ghirlande di stucchi, intervallate da edifici moderni anonimi.

La strada è il centro commerciale e di ristorazione di Čačak ed è fiancheggiata da ristoranti, negozi e gelaterie.

Nei giorni caldi e soleggiati Gradsko Šetalište prende vita, mentre le famiglie escono per passeggiare o per prendere un caffè sui posti a sedere all'aperto sul lungomare.

6. Museo nazionale

Museo Nazionale

Questa istituzione ha diversi dipartimenti sparsi per Čačak, ma la mostra permanente è nel palazzo di Jovan Obrenović.

Questo edificio risale al 1835 ed è stato commissionato dal fratello del primo monarca della Serbia moderna, Miloš Obrenović.

Čačak e la Serbia hanno attraversato una storia notoriamente complicata e sanguinosa, e il museo ti aiuterà a tracciare il filo conduttore delle varie lotte della Serbia per l'indipendenza.

Puoi anche ispezionare una serie di manufatti avvincenti, dalla preistoria al medioevo.

Solo alcuni da esaminare sono gioielli, ceramiche, statuette, frammenti architettonici, oggetti di vetro e monete romane.

7. Umetnička Galerija “Nadežda Petrović”

Umetnička Galerija - Nadežda Petrović

Fonte: facebook.com

Umetnička Galerija – Nadežda Petrović

Nadežda Petrović, la principale pittrice impressionista e fauvista della Serbia, nacque a Čačak nel 1873. Nonostante sia morta giovane mentre prestava servizio come infermiera durante la prima guerra mondiale, è tenuta in grande considerazione e appare sulla banconota da 200 dinari della Serbia.

La sua omonima galleria è dedicata all'arte moderna e contemporanea.

C'è una raccolta di opere di Nadežda Petrović, nonché pezzi di alcuni dei pittori che ha incontrato durante gli studi a Monaco.

Puoi anche dare un'occhiata alla pittura jugoslava della seconda metà del 20 ° secolo e l'arte prodotta in Serbia oggi.

Infine c'è una biennale, da settembre a novembre, che invita decine di artisti in Serbia a contribuire a una mostra a tema.

La 29a edizione di questo avrà luogo nel 2018.

8. Chiesa dell'Ascensione di Cristo

Chiesa dell'Ascensione Di Cristo

Nel punto più alto della città è una chiesa che risale alla fine del 12 ° secolo.

Secondo la tradizione fu commissionato da Stracimir Zavidović che era il fratello del sovrano epocale Stefan Nemanja.

Una delle cose eccitanti della chiesa è che non è stata demolita durante il dominio ottomano, e invece è stata convertita in moschea.

Non ha subito danni fino a quando non è stato colpito dalle armi durante la prima rivolta serba all'inizio del XIX secolo.

Il principe Miloš guidò gli sforzi di restauro alla fine di quel secolo, e il pittore Živko Pavlović fu assunto per produrre le 48 immagini nell'iconostasi negli anni 1840.

9. Spomenik Stepi Stepanoviću

Spomenik Stepi Stepanoviću

Durante tutti i suoi anni di occupazione da parte di imperi stranieri, Čačak era noto per aver resistito testardamente.

Quindi non sorprende che una delle figure più famose della città sia stata un generale.

Stepa Stepanović ha vissuto la sua vita a Čačak, ed è stato uno dei protagonisti della prima e della seconda guerra dei Balcani e poi della prima guerra mondiale.

Prima di quelli durante i quali aveva prestato servizio in una serie di conflitti da capogiro, salendo di livello ogni volta.

Quella progressione è chiarita nel monumento di fronte all'ex residenza del generale.

Sulla strada di fronte ci sono placche con i dettagli di ogni battaglia in cui ha combattuto; inutile dire che l'elenco è lungo!

10. Banja Gornja Trepča

Banja Gornja Trepča

Tra le pendici dei monti Bukovik e Vujan, Banja Gornja Trepča è una stazione termale circondata da faggi e boschi di querce.

Si trova a soli 18 chilometri da Čačak e dalle numerose formazioni rocciose ignote si sa che qui si svolgono molte attività sismiche.

Ci sono tre sorgenti, ognuna con la stessa composizione chimica della stessa fonte sotterranea.

C'è un rubinetto in città con acqua che esce a 26 ° C e ha un alto contenuto di magnesio, sodio, potassio e calcio.

C'è anche il radon nell'acqua, che lo rende leggermente radioattivo! Ciò non rimanda i turisti della salute che vengono per il trattamento di disturbi gastrointestinali e reumatici.

11. Monastero di Vujan (Manastir Vujan)

Manastir Vujan

Vicino a queste sorgenti si trova un altro monastero a sei chilometri da Čačak.

Su un pendio boscoso sereno, il monastero di Vujan è dedicato all'Arcangelo Michele.

La storia che è stata tramandata è che fu fondata nel 1300 da un eremita che curava il bestiame sul Monte Vujan e che i suoi resti sono sepolti nella chiesa.

Ma nel 1597 fu demolito e abbandonato per più di 200 anni fino a quando l'eroe nazionale Nikola Lunjevica lo rianimò durante la prima rivolta serba all'inizio del 18 ° secolo.

Era un amico del principe Miloš e puoi vedere la sua tomba nel nartece della nuova chiesa.

12. Ovčar Banja

Ovčar Banja

Incastonato in quello scenario paradisiaco accanto al fiume Morava è un resort termale che esiste da molte centinaia di anni.

Nel medioevo era la più grande e famosa stazione termale della Serbia e continuò ad attirare migliaia di visitatori che facevano il bagno nelle sue piscine durante il periodo ottomano.

I bagni della spa sono stati rinnovati nel 2011 e sono stati riempiti con acque convogliate dalla sorgente a 38 ° C. Questo dovrebbe essere la temperatura ottimale per l'acqua terapeutica per trattare una serie di disturbi da infortuni sportivi a malattie reumatiche.

Il centro benessere offre una vasta gamma di trattamenti e massaggi idroterapici.

13. Drvengrad (Küstendorf)

Drvengrad

Fonte: Anton.Daskalov / shutterstock

Drvengrad

Alcuni villaggi di montagna sono così belli da sembrare set cinematografici.

Ed è esattamente quello che è Drvengrad.

È stato costruito dal nulla nei primi anni 2000 per il film di Emir Kusturica Life Is a Miracle, la produzione serba più costosa di sempre.

Più di 600 persone vivono nel villaggio, in abitazioni in stile chalet su strade che prendono il nome da personaggi famosi come Ingmar Bergman, Federico Fellini, Maradona e Novak Djoković.

C'è anche una biblioteca, una galleria d'arte, una chiesa, una ferrovia a vapore a scartamento ridotto (centrale per la trama di Life Is a Miracle) e un cinema.

Ospita il festival del cinema di Küstendorf ogni gennaio, che ha invitato attori come Johnny Depp e Gael García Bernal da quando è stato lanciato nel 2008.

14. Zlatibor

Zlatibor

Fonte: Fotokon / shutterstock

Zlatibor

Prima di arrivare a Drvengrad passerai Zlatibor, una delle principali destinazioni montane della Serbia.

I paesaggi sono abbaglianti in questo immenso altopiano in un crogiolo di sette cime montuose.

Queste creste a soli 1.500 metri di distanza, conferiscono a Zlatibo un clima alpino fresco che promette aria fresca e cielo sereno in estate e neve costante in inverno.

Il resort Tornikski è tra i tre più visitati del paese e con il suo sistema di impianti di risalita ha una capacità di oltre 5.000 sciatori all'ora.

Se sei stato incantato da Ovčar-Kablar, ti piacerebbe vedere la gola di Uvac dove questo fiume color smeraldo gira attorno a sottili promontori carsici.

15. Cucina

pljeskavica

Fonte: Igor Dutina / shutterstock

pljeskavica

Qualcosa che devi semplicemente fare in una città serba è prenotare un tavolo a un kafana.

Queste sono taverne tipiche dei Balcani in cui un pasto non è una piccola proposta, che coinvolge diversi corsi, rakija (forte brandy) e intrattenimento da gruppi folk.

Sempre un must per i mangiatori di carne è la pljeskavica, essenzialmente un hamburger serbo che unisce agnello, manzo e carne di maiale in un pasticcio.

Si presenta in una crocchia con kajmak, una specie di formaggio a pasta molle.

Il fiume Sava mette sul tavolo pesci d'acqua dolce come trote, carpe e pesci gatto.

E le feste di carne alla griglia come spiedini, lombate di maiale e salsicce vengono consumate in estate, con insalata Shopska (cetriolo, feta, cipolla, pepe e pomodoro) sul lato.