15 migliori cose da fare a Brașov (Romania)

Se questa città inebriante nei Carpazi meridionali ha un'aria tedesca, c'è una buona ragione. Nel Medioevo Brașov fu sviluppato e insediato dai sassoni invitati a stabilirsi qui dai re ungheresi. Le esenzioni fiscali consentirono ai commercianti tedeschi di costruire le loro fortune, commerciando sia con l'Europa occidentale che con l'Impero ottomano che era alle porte di Brașov. Questo spiega la grandiosità di Council Square nel centro, così come la chiesa gotica per la congregazione luterana della città.

L'affascinante centro storico è caratterizzato da paesaggi montuosi, con una cima dominante, il Monte Tâmpa, collegato con la funivia, mentre nelle vicinanze di Poiana Brașov si trova anche una stazione sciistica emergente.

Esploriamo il migliori cose da fare a Brașov:

1. Piața Sfatului (Piazza del Consiglio)

Council Square, Brasov

Fonte: Balate Dorin / shutterstock

Piazza del Consiglio

Luogo di scambi e fiere dalla metà del XIV secolo, ora questo ampio spazio aperto è un posto dove fermarsi e guardare a sud verso la vasta mole del Monte Tâmpa.

La piazza è tracciata da storiche facciate dipinte di case un tempo appartenenti alle corporazioni della città, nonché da monumenti come la Chiesa Nera e la Cattedrale ortodossa.

Molte case sono ora ristoranti e caffè con terrazze che si estendono sulla piazza.

Sul lato sud si trova la casa dei mercanti arcade della metà del XVI secolo, che era un edificio del mercato ed è stata convertita in una galleria di negozi.

Un ottimo momento per essere in Council Square è a dicembre per il mercatino di Natale, quando tutto è illuminato e c'è un albero enorme.

2. Biserica Neagră (Chiesa nera)

Chiesa Nera, Brasov

Fonte: STIERL ADRIAN ROLAND / shutterstock

Chiesa Nera

Considerata una delle più grandi opere di architettura gotica dell'Europa orientale, la chiesa nera fu costruita dalla comunità tedesca di Brașov nel XV secolo.

Nel XVI secolo i servizi luterani presero il posto di quelli cattolici, un cambiamento che è continuato fino ad oggi.

Appena fuori c'è una statua di Johannes Honter, l'umanista sassone della Transilvania che portò il luteranesimo nella regione.

Da non perdere la scultura del XV secolo sulla facciata nord, in particolare il bassorilievo di Gesù nel Secondo Tempio di Gerusalemme.

E dallo stesso periodo al suo interno sono vesti in broccato, calici, una fonte battesimale e un affresco raffigurante l'Annunciazione.

3. Casa Sfatului (Sala del Consiglio)

Sala del Consiglio, Brasov

Fonte: Fotokon / shutterstock

Sala del Consiglio

Difficile da perdere in Council Square è il municipio del XV secolo, che in realtà iniziò la vita come una torre di avvistamento medievale.

Il municipio fu costruito nel XV secolo e dovette essere modificato a causa delle calamità naturali e poi di un'invasione asburgica nel 1600, lasciandola con una miscela di architettura gotica precedente e barocca successiva.

Dagli anni '50 la Sala del Consiglio ha ospitato il County Museum of History, che ha un assortimento di strumenti dell'età del ferro, oggetti romani provenienti da forti vicini, ceramiche medievali, armi antiche, manufatti farmaceutici, artigianato tradizionale, monete e altro ancora.

4. Monte Tâmpa

Monte Tâmpa, Brasov

Fonte: vladgphoto / shutterstock

Monte Tâmpa

Sorge a 400 metri sopra il sud della Città Vecchia, fino a un'altezza massima di 960, il monte Tâmpa a forma di cuneo è una parte sempre presente del paesaggio di Brașov.

Gli entusiasti camminatori avranno il desiderio di conquistare questa cima calcarea coperta di foreste, una volta difesa da una cittadella teutonica del 13 ° secolo e con viste distanti sulla regione di Burzenland in cima.

La strada dei cavalieri, la più antica di molti percorsi per raggiungere la vetta, risale ai tempi della cittadella e serpeggia davanti a vecchie mura fatiscenti.

La montagna è anche una riserva naturale, fornendo un habitat per lupi grigi, aquile reali, orsi bruni e lince eurasiatiche.

E se le piste sembrano un po 'troppo impegnative, c'è sempre una funivia, che porta in cima in tre minuti e con un ristorante panoramico alla sua stazione superiore.

5. Bastionul Țesătorilor (Bastione dei tessitori)

Bastione dei tessitori, Brasov

Fonte: David Ionut / shutterstock

Bastione dei tessitori

Sotto il monte Tâmpa, sul lato sud della Città Vecchia, si trova il residuo più completo delle antiche fortificazioni di Brașov.

Nel 1500 le corporazioni della città erano responsabili della cura delle difese della città, e questo bastione era nelle mani dei tessitori, tenendo a bada gli attaccanti e dando ai tessitori un posto dove riporre le loro merci.

La prima architettura qui risale al 1420 e un secondo piano fu aggiunto nella seconda metà del XVI secolo.

Ci sono due torri di guardia e mura indomabili con aperture per i cannoni e lanciando petrolio contro i potenziali aggressori.

Il museo all'interno contiene dettagli sulla Gilda dei tessitori, armi ottomane, pistole e un modello in scala di epoca ungherese del 1896, che raffigura la città come sarebbe stata nel 1600.

6. Strada Republicii

Strada Republicii, Brasov

Fonte: Serghei Starus / shutterstock

Strada Republicii

In diagonale da Council Square si trova la vivace strada principale di Brașov, completamente pedonale.

Nell'ultimo decennio Strada Republicii ha ricevuto un restyling e quasi tutte le facciate di fine secolo sono state restaurate.

Mentre vai vedrai i passaggi che si aprono, conducendo su bellissimi cortili nascosti.

Tieni gli occhi aperti per le iscrizioni tedesche dell'inizio del XX secolo su alcuni edifici.

In estate c'è una linea quasi ininterrotta di terrazze di bar e ristoranti, quindi non ci sono scuse per non indugiare per qualche minuto e guardare la folla.

7. Prima Școală Românească (prima scuola rumena)

Prima scuola rumena, Brasov

Fonte: salajean / shutterstock

Prima scuola rumena

Nel quartiere Șchei, simile a un villaggio, nella periferia sud-occidentale di Brașov, si trova un sito di grande valore per la cultura rumena.

Qui, nel parco della chiesa di San Nicola del XVI secolo (Biserica Sfântul Nicolae), è la prima scuola in assoluto a tenere corsi di rumeno.

Questi furono realizzati per la prima volta nel 1583 e la scuola fu utilizzata fino al 1941, prima di diventare un museo non molto tempo dopo la guerra.

Ci sono più di 4000 libri e 30.000 documenti storici nel museo, che ha anche la prima macchina da stampa della Romania.

Guidati da un custode anziano, potrai vedere la prima bibbia rumena, nonché i volumi di prime edizioni preziose.

Il documento più antico di tutti è un manoscritto risalente all'XI secolo.

8. Sinagoga

Sinagoga, Brasov

Fonte: ramona georgescu / shutterstock

Sinagoga

C'è stata una comunità ebraica a Brașov dal 1807, quando i suoi primi membri furono autorizzati a stabilirsi in città.

All'inizio della seconda guerra mondiale la comunità era cresciuta fino a oltre 4.000, un grido lontano dai 230 residenti di oggi.

La sinagoga ortodossa di Brașov cadde vittima della dittatura di Ion Antonescu durante la seconda guerra mondiale, ma la sinagoga Neolog è ancora qui.

Con un design neo-moresco e neo-bizantino e una scala impressionante, l'edificio testimonia la vitalità della popolazione ebraica di Brașov quando fu costruito alla fine del secolo.

L'architetto fu l'ungherese Lipót Baumhorn che progettò più di 20 sinagoghe in Austria-Ungheria.

9. Strada Sforii (Rope Street)

Strada Sforii, Brasov

Fonte: Nataliya Nazarova / shutterstock

Strada Sforii

Una deviazione stravagante, Strada Sforii non lontano dalla Porta di Șchei è una delle strade più strette d'Europa.

Con un minimo di 111 centimetri, questo passaggio di 80 metri risale al 1600 ed è battuto solo per la ristrettezza da Spreuerhofstraße a Reutlingen, Germania e Parliament Street a Exeter, Inghilterra.

È impossibile allargare le braccia mentre schiacci giù questo passaggio oscuro, quindi non rimarrai scioccato dal fatto che Strada Sforii non era originariamente progettata per l'uso quotidiano, ma come un percorso per i vigili del fuoco nella Città Vecchia.

10. Castello di Bran

Castello di Bran, Romania

Fonte: Cristian Balate / shutterstock

Castello di Bran

Una gita di un giorno da non perdere da Brașov, il Castello di Bran si trova a mezz'ora a sud-ovest.

Questa fortezza del XIV secolo è spesso collegata al conte Dracula e alla sua vita reale ispirata al XV secolo Vlad l'Impalatore.

E mentre questo non è strettamente vero poiché Vlad l'Impalatore non aveva molto a che fare con il castello, la vera storia dell'edificio è abbastanza eccitante.

Un romantico groviglio di torri costruito su un promontorio roccioso sopra una gola, era un baluardo contro l'impero ottomano nel tardo Medioevo ed era controllato da una successione di re ungheresi.

Quando la Transilvania fu ceduta in Romania dopo la prima guerra mondiale, divenne la residenza preferita di Maria di Romania, e il museo al suo interno ha molti possedimenti della regina.

Tour consigliato: Dracula Castle & Brasov: tour privato

11. Pietrele lui Solomon (Solomon’s Rocks)

Solomon’s Rocks

Nel distretto sud-occidentale di Șchei, su un affluente del fiume Șcheiu, arriverai a una strana formazione carsica.

Divisa in due da un ruscello è una coppia di vaste rocce a strapiombo, intrise di racconti popolari locali su un re ungherese o Solomonars, maghi a cavallo del drago che controllano la pioggia.

All'inizio degli scavi del XX secolo sul sito sono state trovate tracce di una fortezza che era stata presidiata fin dal Neolitico.

Oggi è un luogo preferito per picnic e barbecue, mentre gli scalatori sono una leggera luce comune sui pendii vertiginosi.

E da qui, una pista ciclabile si snoda attraverso le montagne fino alla vicina stazione sciistica di Poiana Brașov.

12. Turnul Alb (Torre bianca)

Torre Bianca, Brasov

Fonte: caliNN e DiaNNA / shutterstock

Torre Bianca

Su uno sperone a difesa del lato ovest della Città Vecchia si trova la Torre Bianca semicircolare, che forma una coppia con la vicina Torre Nera.

Non avrai problemi a identificare questo luminoso bastione imbiancato sul suo trespolo alto da Council Square.

Cresciuta negli ultimi decenni del XV secolo, questa struttura fu mantenuta dalla corporazione dei produttori di piastrelle di Brașov e su cinque piani era la più alta di tutte le difese della città.

Per tenere fuori gli aspiranti aggressori, il suo ingresso era a diversi metri da terra e aveva bisogno di una scala.

C'è una scala in legno all'interno, che puoi salire per stare dietro le merlature e vedere la Città Vecchia sullo sfondo del Monte Tâmpa.

13. Poiana Brașov

Poiana Brașov

Fonte: Balate Dorin / shutterstock

Poiana Brașov

Da metà novembre a metà marzo le cime intorno a Brașov sono ricoperte da uno strato permanente di neve.

Ma è solo di recente che questo clima innevato è stato sfruttato per gli sport invernali.

Poiana Brașov è una stazione sciistica a meno di 15 chilometri dalla città vera e propria che ha subito grandi investimenti negli anni 2010, ampliando la sua area sciabile a 80 ettari e creando 24 chilometri di piste.

Quasi tutte le sue piste dispongono ora di impianti di innevamento, garantendo una stagione di 120 giorni, mentre i nn.

20 e 100 autobus offrono rapidi trasferimenti dal centro di Brașov al resort.

Quando il clima è mite, le quattro montagne che circondano Poiana Brașov sono il sogno di un escursionista, con prati ampi, punti panoramici elevati e molti ettari di boschi di querce e nocciole fresche.

14. Santuario dell'orso Libearty

Libearty Bear Sanctuary

È giusto dire che gli orsi non sono sempre stati ben trattati nella Romania centrale.

Ma dopo che il paese è entrato nell'UE nel 2007, i suoi giardini zoologici sono diventati soggetti alle leggi europee per la zootecnia.

Dato che molti zoo più piccoli non potevano rispettare questi nuovi standard, questo santuario non lontano a sud-ovest di Brașov si gonfiava di abitanti appena salvati.

Il Libearty Bear Sanctuary ha 70 orsi bruni europei che vivono in 27 ettari di recinti in boschi di latifoglie, offrendo un'ampia copertura arborea, spazio per il letargo e molta acqua sotto forma di ruscelli e pozze.

15. Parc Aventura

Parc Aventura

Nella periferia sud-est di Brașov c'è un'attrazione orientata alla famiglia con scale, reti a fune, ponti e linee di zip tra gli alberi.

I bambini di età inferiore a otto anni possono prendere parte a quattro percorsi viola, su cui saranno fissati in modo permanente dal moschettone a una fune di sicurezza per la massima sicurezza.

Gli scalatori più anziani possono affrontare undici percorsi diversi, che vanno in difficoltà dal giallo per i principianti a un unico percorso nero per gli esperti che hanno bisogno di un ulteriore colpo di adrenalina.

E se ciò non bastasse, ci sono anche attività collaterali come una zipline di 300 metri che attraversa un lago e un salto letterale di fede da un'altezza di 16 metri.