15 cose migliori da fare in Islanda del Nord

Vulcani, campi di lava fumanti, pozze di fango gorgogliante, cascate e sorgenti geotermiche attendono tutti nella primordiale Islanda del Nord.

In questa regione, a pochi chilometri dal circolo polare artico, potresti sentirti alla fine o all'inizio della terra.

Le meraviglie naturali dell'Islanda del Nord sono sparse in una vasta area non popolata, dove la città più grande è di gran lunga Akureyri, che ospita solo 18.000 persone.

Per rendere le cose più facili puoi seguire itinerari come il Diamond Circle, che porta dal porto solitario di Húsavík ai fantastici canyon glaciali, la cascata più potente d'Europa e il Lago Mývatn, che ha un mondo di morfologie vulcaniche aliene sulle sue rive.

La costa, sul Mare di Groenlandia, è il posto migliore per vedere le balene in Islanda e Húsavík ha un museo di classe mondiale sui cetacei del Nord Atlantico.

Esploriamo il migliori cose da fare in Islanda del Nord:

1. Museo dell'era delle aringhe

Museo dell'era delle aringhe

Fonte: shutterstock

Museo dell'era delle aringhe

A Siglufjörður c'è una stazione di salatura che un tempo era il centro della redditizia pesca delle aringhe islandese.

Nella prima metà del 20 ° secolo Siglufjörður veniva talvolta descritto come "Atlantic Klondike", con migliaia di speculatori che si presentavano per una fetta della vasta ricchezza generata dall'aringa dell'Atlantico.

La stazione di salatura fu abbandonata nel 1969 dopo che l'aringa era semplicemente scomparsa da questo angolo dell'Atlantico, e un insieme di edifici è stato convertito in un museo nel 1994. Il Róaldsbrakki, una stazione di salatura norvegese, risale al 1907 e ha manufatti come botti di salatura e nero e foto bianche che trasmettono l'atmosfera a Siglufjörður al momento.

Grána è una fabbrica di aringhe degli anni '30, con macchinari pesanti raccolti da siti di aringhe intorno all'Islanda, mentre la rimessa per imbarcazioni ricorda il vivace lungomare di Siglufjörður e ha dieci navi attraccate sui suoi moli.

2. Lago Mývatn

Lago Mývatn

Fonte: shutterstock

Lago Mývatn

Vicino al vulcano Krafla, il lago Mývatn è apprezzato per i suoi stock di salmoni e trote, mentre le zone umide circostanti sono protette da parco naturale.

Il lago è stato creato da un'eruzione 2.300 anni fa ed è incastonato in un peculiare paesaggio vulcanico di prese d'aria senza radici e colonne di lava.

L'avifauna sulle rive è sorprendentemente ricca, e un nuovo Museo degli uccelli è stato aperto per documentare le numerose specie di uccelli acquatici (comune scottrice, fonditore dal petto rosso, canapiglia) che frequentano il lago in estate.

Racchiudere il lago è un mondo di bizzarri monumenti vulcanici, dai crateri alle piscine geotermiche e alle sorgenti gorgoglianti di zolfo.

3. Krafla

Krafla "width =" 1000 "height =" 670 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715408_657_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Krafla-300x201.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Krafla-768x515.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Krafla

Dieci chilometri di diametro e profondo fino a due chilometri, la caldera di Krafla attiva vicino al lago Mývatn ha campi di lava che sono ancora caldi e disseminati di caratteristiche vulcaniche come fratture, calanchi e flussi di lava.

Ci furono nove eruzioni a Krafla tra il 1975 e il 1984, durante le quali una camera magica epica divenne visibile dalla superficie.

A Leirhnjukur c'è un sentiero attraverso un terreno solforico, dove il vapore sale dal terreno e ci sono muschi al neon lungo il sentiero.

Ricorda solo di evitare l'argilla leggera, perché può essere abbastanza calda da sciogliere le suole delle scarpe.

Víti Maar (Crater of Hell) nel frattempo è un cratere che ha preso forma dopo un'esplosione di vapore nel 1724 e ha un lago color verde acqua.

4. Bagno naturale Mývatn

Bagno naturale Mývatn

Fonte: Rudy Mareel / Shutterstock.com

Bagno naturale Mývatn

Sul pendio dal lago Mývatn si trova un tranquillo nord islandese equivalente alla Laguna Blu di Grindavík.

Con vista sul lago, il bagno naturale Mývatn è una piscina geotermica invitante, che potrebbe essere proprio ciò di cui hai bisogno dopo esserti fatto strada tra i flussi di lava.

Si ritiene che le acque siano benefiche per i disturbi respiratori e della pelle.

C'è più spazio per spostarsi al Mývatn Nature Bath, e tutto è un po 'più rilassato: puoi anche prendere una bevanda in acqua con te e guardare in basso verso le verdi sponde del lago Mývatn.

La piscina principale ha una temperatura negli anni '30 e ci sono anche due bagni di vapore, che si avvicinano a 50 ° C.

5. Hveraströnd Sulphur Springs

Hveraströnd Sulphur Springs

Fonte: shutterstock

Hveraströnd Sulphur Springs

A est del lago Mývatn e all'ombra di Námafjall si trova un campo geotermico sulla cresta medio-atlantica, dove le temperature non molto al di sotto della superficie salgono a più di 200 ° C. In alto, il paesaggio sembra qualcosa proveniente da un altro pianeta, con pozze di fango bollenti, fumarole a vapore e terra tinta di giallo dallo zolfo.

Non c'è vegetazione di cui parlare a Hveraströnd e devi portare una macchina fotografica per catturare la desolazione e i pennacchi di vapori che salgono dalle sibilanti fumarole e pozze.

Nel periodo tardo-medievale Hveraströnd fu una delle principali fonti di zolfo che finì nelle prime polveri da sparo.

6. Grjótagjá

Grjótagjá "width =" 1000 "height =" 665 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715410_684_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Grjótagjá-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Grjótagjá-768x511.jpg 768w "data-lazy-dimensioni = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Grjótagjá

Gli appassionati di Game of Thrones potrebbero voler fare un pellegrinaggio in questa bellissima grotta di lava con una sorgente termale, a circa 1,5 chilometri a est del lago Mývatn.

Nell'episodio Kissed by Fire nella stagione 3, è qui che Jon Snow e Ygritte hanno un "incontro" che induce Jon Snow a infrangere il suo giuramento di Guardia notturna.

La piscina nella grotta era stata utilizzata per fare il bagno dagli anni '30, ma divenne pericolosamente calda dopo le eruzioni di Krafla negli anni '70 e '80.

Dagli anni '90 le temperature sono scese sotto i 45 ° C e la balneazione è stata nuovamente autorizzata.

7. Dimmuborgir

Dimmuborgir "width =" 1000 "height =" 665 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715411_928_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Dimmuborgir-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Dimmuborgir-768x511.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Dimmuborgir

Traducendo in "Castelli oscuri", Dimmuborgir è un gruppo di strani campi di lava lasciati da un'eruzione nella fila del cratere Þrengslaborgir e Lúdentsborgir 2.300 anni fa.

Appena oltre la sponda orientale del lago Mývatn, Dimmuborgir si formò quando la lava, profonda dieci metri, si radunò sulla cima di un piccolo lago e palude.

Mentre l'acqua sottostante ribolliva, il vapore che saliva attraverso la lava creava formazioni bizzarre come pilastri, archi e ponti.

Lo strato superiore di lava è defluito lungo il pendio, lasciando indietro queste strutture inquietanti.

Dimmuborgir è l'unico posto al mondo in cui è possibile vedere questo tipo di formazioni vulcaniche sulla terra.

Al bar puoi provare Hverabrauð, un dolce pane di segale fatto in speciali botti di legno sepolte in un terreno riscaldato geotermicamente.

8. Jökulsárgljúfur

Jökulsárgljúfur "width =" 1000 "height =" 667 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715411_253_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Jökulsárgljúfur-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Jökulsárgljúfur-768x512.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Jökulsárgljúfur

Il secondo fiume più lungo dell'Islanda, il glaciale Jökulsá á Fjöllum è stato scavato nel basalto per creare un canyon maestoso, lungo 25 chilometri, largo fino a 500 metri e profondo 120 metri.

Nel canyon c'è una catena di cascate: Selfoss, Dettifoss, Hafragilsfoss e Réttarfoss.

Questo monumento naturale è ora la parte più settentrionale dell'enorme parco nazionale Vatnajökull, che comprende gran parte dell'Islanda orientale.

Uno dei luoghi da cercare nel canyon è Hljóðaklettar, un gruppo di strane colonne di basalto, in piedi in verticale, in orizzontale e in diagonale.

9. Ásbyrgi

Ásbyrgi "width =" 1000 "height =" 684 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715412_450_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Ásbyrgi-300x205.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Ásbyrgi-768x525.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Ásbyrgi

Come molti dei punti in questa lista, Ásbyrgi è sul Diamond Circle e deve essere visto quando arrivi dal Jökulsárgljúfur.

Questo canyon a forma di ferro di cavallo non è molto a ovest del fiume Jökulsá á Fjöllum ed è stato modellato da catastrofiche inondazioni glaciali alla fine dell'ultima era glaciale, circa 8.000-10.000 anni fa e poi di nuovo circa 3.000 anni fa.

Le pareti del canyon sono alte fino a 100 metri e ospitano una foresta di betulle, salici, larici, abeti rossi e pini ai margini del lago Botnstjörn, un residuo del Jökulsá á Fjöllum, che da tempo ha cambiato rotta.

La roccia Eyjan (isola) si trova nel mezzo di questa formazione e ha un panorama fotografico degno di questa scena mozzafiato.

La spiegazione tradizionale di Ásbyrgi è che è stata formata dallo zoccolo del cavallo a otto zampe di Sleipnir Odin.

10. Goðafoss

Goðafoss "width =" 1000 "height =" 667 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715412_122_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Goðafoss-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Goðafoss-768x512.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Goðafoss

Trenta metri di larghezza e dodici metri di altezza, Goðafoss (Waterfall of the Gods) è sensazionale tutto l'anno ed è considerata una delle cascate più belle d'Europa.

Se c'è un momento in cui le cascate sono assolutamente imperdibili è intorno alla tarda primavera quando l'acqua è incrostata di ghiaccioli.

Il nome Goðafoss deriva da una storia di Íslendingabók di Ari Þorgilsson, scritta all'inizio del XII secolo.

Un secolo prima, nel 999, il parlamentare Thorgeir Ljosvetningagodi aveva gettato i suoi idoli pagani nelle cascate dopo aver deciso che l'Islanda dovesse adottare ufficialmente il cristianesimo all'Althing (parlamento). Le cascate si trovano sul fiume Skjálfandafljót di 178 chilometri, a partire dalla calotta di ghiaccio Vatnajökull nelle Highlands.

11. Dettifoss

Dettifoss "width =" 1000 "height =" 680 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715413_141_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Dettifoss-300x204.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Dettifoss-768x522.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Dettifoss

In termini di scarico, Dettifoss sul canyon Jökulsárgljúfur è la più grande cascata dell'Islanda.

In uno scenario roccioso spoglio, questo colosso è alto 40 metri e largo 100 e ha una portata media di 193 metri cubi al secondo.

Dettifoss è un pilastro del Diamond Circle e potresti averlo visto nel Prometeo di Ridley Scott (2012). L'elevato scarico dell'acqua genera un fragoroso rombo e spinge gli spruzzi in alto sopra le pareti del canyon.

Nei giorni di sole c'è invariabilmente un arcobaleno nel canyon.

A Dettifoss si accede dalla ghiaia Route 864 e dalla recente 862, che ha una superficie asfaltata.

Puoi intraprendere l'escursione di una vita da queste cascate ad Ásbyrgi, a circa 30 chilometri di distanza.

12. Húsavík

Húsavík

Fonte: canadastock / shutterstock

Húsavík

Appena sotto il circolo polare artico, il porto peschereccio di Húsavík nella baia di Skjálfandi è stato, secondo il Landnámabók (Libro degli insediamenti), il primo posto in Islanda ad essere insediato dall'uomo norvegese, nell'inverno dell'870. E da questo il porto, la silice raccolta sul lago Mývatn è stata esportata in Scandinavia e nella terraferma europea.

Ora è un hub per l'industria della pesca sulla costa settentrionale e il posto migliore in Islanda per le spedizioni di avvistamenti di balene.

Opportunamente, il Museo delle balene di Húsavík, situato nel vecchio mattatoio della città, è una mostra suprema sulle balene che abitano nel Nord Atlantico.

Ci sono informazioni approfondite su ciascuna di queste specie di cetacei, i loro ecosistemi e la storia e il presente del settore della caccia alle balene in Islanda.

È possibile visualizzare scheletri completi di balenottere, sperma, pilota, megattera, becco e tursiopi.

13. Tour di osservazione delle balene

Tour di osservazione delle balene

Fonte: shutterstock

Tour di osservazione delle balene

Più di 20 tipi di cetacei possono essere avvistati nelle acque intorno all'Islanda da aprile a settembre e la posizione di Húsavík nella baia di Skjálfandi sul mare della Groenlandia lo rende il luogo principale per l'osservazione delle balene.

Per un round di 12.500 ISK ($ 100), una varietà di aziende ti condurrà in un tour di tre ore nella baia dove la probabilità di avvistare pinne, code, buche o violazioni complete è sempre alta.

Sarai in compagnia di una guida esperta e di bell'aspetto in grado di fornirti informazioni sul comportamento di visone, megattera e balene blu e assicurarti di non perdere nulla.

L'isola è nella baia, come Flatey e Lundey hanno anche enormi colonie di puffini che puoi osservare.

Saranno spesso forniti attrezzi per il freddo e una tazza di cioccolata calda e una cannella manterranno il morale alto.

14. Laufás

Laufás "width =" 1000 "height =" 667 "srcset =" http://pazzoturistici.online/wp-content/uploads/2019/09/1567715416_814_15-cose-migliori-da-fare-in-Islanda-del-Nord.jpg 1000w, https://cdn.thecrazytourist.com/ wp-content / uploads / 2018/05 / Laufás-300x200.jpg 300w, https://cdn.thecrazytourist.com/wp-content/uploads/2018/05/Laufás-768x512.jpg 768w "data-lazy-size = "(larghezza massima: 1000px) 100vw, 1000px" />

<p class=Fonte: shutterstock

Laufás

A Eyjafjörður, Laufás fu menzionata per la prima volta nei primi giorni dell'insediamento dell'Islanda all'inizio del X secolo.

Puoi andare lì ora per esplorare un maniero / fattoria risalente al 1600, il tutto con uno sfondo montuoso fotogenico.

Il maniero insolitamente imponente è stato costruito nella seconda metà del XIX secolo utilizzando legni di 200 anni prima, mentre la chiesa del sito è dello stesso periodo, ma i suoi arredi sono molto più antichi e includono un pulpito del 1698. Il maniero è fuori gli edifici, tra cui una fila di deliziose case in erba islandese, sono arredati con attrezzi agricoli e attrezzi di uso quotidiano dalla fine del XX secolo, quando la fattoria era ancora in funzione.

15. Giardino botanico Akureyri

Giardino Botanico Akureyri

Fonte: shutterstock

Giardino Botanico Akureyri

Nella città di Akureyri all'estremità meridionale di Eyjafjörður, questa riposante attrazione a base vegetale ha una delle posizioni più estreme per il giardino botanico del pianeta.

Akureyri è a soli 50 chilometri a sud del circolo polare artico, ma c'è un microclima insolitamente caldo mentre le montagne tamponano il fiordo contro i venti viziosi.

Questo spazio è stato aperto al pubblico come parco nel 1912 ed è stato un giardino botanico dal 1957, ora cresce circa 7000 specie provenienti da zone artiche, temperate e montuose.

Circa 400 di questi, che crescono nell'angolo sud-orientale del giardino, sono fiori nativi delle brughiere e delle montagne islandesi, come la betulla nana, la kobresia di Bellard, la corsa dell'altopiano, il fireweed nano e il campion del muschio.